Pola. Il cimitero si rifà il look

In vista delle celebrazioni liturgiche di inizio novembre sono in corso i lavori di manutenzione del camposanto di Monte Ghiro

I masselli in calcestruzzo da ricomporre

Tra una giornata di piogge torrenziali e una di vento, si cerca di sfruttare il momento migliore per riportare in uno stato di buona fruizione le strutture cimiteriali di Monte Ghiro. Ottobre è infatti il mese che prepara la città, massimamente i fedeli, alle manifestazioni di culto di Ognissanti della Chiesa cattolica e dei defunti che ci hanno preceduti nell’eterna successione delle nascite e dei decessi. Anche quest’anno sono in via di svolgimento lavori di manutenzione del cimitero, che negli ultimi anni (precipuamente dal 2010) è stato oggetto di numerosi interventi d’ampliamento e di cura delle aree di inumazione.

I percorsi interni si faranno dopo le piogge

Interventi all’esterno
Si lavora con metodo, a sentire il direttore della municipalizzata Monte Giro che gestisce i cimiteri civici, Darko Buršić, come ogni anno in ottobre: “Gli interventi attualmente in corso interessano principalmente gli esterni, vale a dire la prima fascia boschiva che circonda il camposanto, perché è necessario predisporre le aree limitrofe per l’imminente aumento delle visite e la conseguente pressione delle automobili e dei pedoni. La pineta è stata sfoltita e ripulita dei rifiuti e dello scarto vegetale, l’erba è stata falciata, abbiamo liberato dalla sterpaglia le mura di cinta e la zona d’accessibilità dei mezzi dei Vigili del fuoco, ma non abbiamo ancora dato il via alla sistemazione dello sterrato esterno in pendenza, né dei percorsi interni. Questo perché siamo in attesa di nuove precipitazioni e possibili allagamenti che necessariamente comportano dissesti per le strade e i piazzali privi di sovrastrutture. Attenderemo dunque ancora una decina di giorni e poi provvederemo alle operazioni di livellamento sia all’esterno che all’interno del camposanto. Si fa così ogni anno, anche perché a quel punto ci sono i cittadini che si prendono cura delle tombe dei propri cari e ci fanno notare le zone del dissesto, per cui possiamo intervenire su richiesta”, ha spiegato Darko Buršić, che ci ricorda come il miglioramento dei percorsi, il rifacimento delle aiuole e della pavimentazione e la cura dei viali alberati sono interventi finalizzati a perseguire l’obiettivo primario di quest’amministrazione, e precisamente quello di migliorare il decoro, la fruibilità e la sicurezza dell’area cimiteriale, migliorare l’accessibilità, assicurare bastanti strutture di inumazione e tumulazione.

Sacchi di plastica con i resti delle candele usate destinate al riciclo

Un piano d’azione comune
Per il resto sono in corso i preparativi per riorganizzare i trasporti pubblici, il transito e il posteggio, la sorveglianza in occasione delle giornate commemorative di inizio novembre. Le municipalizzate Monte Giro, Pulapromet e Pula Parking hanno già predisposto un piano d’azione comune, al quale si uniranno in un secondo momento le forze dell’ordine. Quest’anno, a dire il vero, l’abituale pellegrinaggio ai cimiteri dovrà adeguarsi anche alle disposizioni del protocollo di gestione dell’emergenza Covid-19. In seguito all’aumento della positività, i provvedimenti epidemiologici sono sempre più coercitivi indistintamente per tutti i luoghi pubblici. I cimiteri non fanno eccezione. Per le imminenti manifestazioni di commemorazione, le visite saranno necessariamente individuali, gli incontri fortemente sconsigliati, il distanziamento raccomandato e il mantenimento dell’igiene d’obbligo.

Gli interventi di manutenzione in corso

Facebook Commenti