Oltre 50 titoli… freschi invitano alla lettura

Biblioteca. Nuovi arrivi di libri in lingua italiana

Buona letteratura per giovani adulti

L’autunno e il ritorno in ambienti chiusi possono essere un invito alla lettura e a intraprendere attività nuove; le bigie e corte giornate invernali idem. Ma una buona lettura è gradevole compagnia anche estiva. Per gli appassionati del libro, leggi i cosiddetti booklover – usando uno degli infiniti americanismi che ormai infestano ogni lingua del pianeta – la stagione calda diventa la vacanza delle letture per eccellenza. Alla Biblioteca civica di Pola, specificatamente nel reparto di letture in lingua italiana, curato dal Servizio bibliotecario centrale per le istituzioni della Comunità Nazionale Italiana, vi è un’occasione d’oro per fare incetta di libri nuovi, da leggere godendo di luce naturale ottimale, approfittando del tempo libero, dell’aria aperta e del diritto al relax. Manca ancora poco perché gli scaffali straripino degli ultimi acquisti: oltre 50 titoli, procurati con il contributo finanziario del Ministero della Cultura e della Regione Istriana e che la responsabile del Servizio, Liana Diković, esibisce mentre sono ancora in fase di catalogazione e anche di distribuzione per altre biblioteche pubbliche attorno alle quali verte l’interesse per la lettura di libri in lingua italiana. Anche stavolta si rispetta la par conditio. Autori italiani e stranieri si fanno concorrenza, accontentando i gusti diversi dei consumatori di libri: dal genere giallo-thriller (Harlan Coben, John Grisham, Sophie Hannah, Patricia Cornwell e altri… crime writer), ai racconti improntati sull’indagine intelligente (“Figlia della cenere”, di Ilaria Tuti), alle letture dei ricordi e dei sentimenti, dell’amicizia e della ricerca dell’identità (“A cuore aperto”, di Elvira Lindo, “Tre”, di Valérie Perrin), alle storie di resilienza, coraggio e amore (“I venti di sabbia”, di Kristin Hannah), a quelle di mistero, maledizione e inquietanti segreti (“Il tempo del diavolo”, di Glenn Cooper), alla saghe bestseller internazionali (“La sorella perduta”, di Lucinda Riley), fino alle scritture orientali apprezzatissime dall’occidente (Murakami Haruki e le sue opere di genere misto: fiction, surrealismo, realismo magico, post modernismo e picaresco). Nella lista dei nuovi acquisti Enrico Brizzi e la sua “Primavera perfetta”, Valeria Usala e “la Rinnegata”, Andrea Bajani e “Il libro delle case”, niente meno che un Premio Campiello, quindi “La città di vapore”, che porta la firma dello spagnolo Carlos Ruiz Zafon. E tra tanta letteratura mondiale s’innesta Nelida Milani, voce inconfondibile nella letteratura degli italiani dell’Adriatico orientale, presente nel panorama della grande letteratura italiana, della quale si può ora pregustare “Di sole, di vento e di mare” dell’editore Ronzani. La sua trilogia “Cronache delle baracche”, dello stesso editore, è in fase di ordinazione e pertanto bisognerà pazientare. Spicca, nel frattempo, in sala bibliotecaria, il bel tabellone delle letture consigliate ai giovani (e non). Per gli under 18 si consigliano testi di Niccolò Ammaniti, Alessandro D’Avenia, Andrea De Carlo, Enrico Galiano, Patrizia Rinaldi, Carlo Grappi, Manuela Salvi, Fabio Geda, Fabrizio Gatti, Lorenza Ghinelli, Malaia Yousafzai e via elencando. Tre autori italiani per gli young adults -giovani adulti, quali Gabriele Clima, Enrico Galiano e Paola Zannoner, sono stati contattati da Liana Diković per una collaborazione con il Festival della letteratura italiana FLIT, dedicato in particolare agli allievi liceali, ma anche agli scolari più maturi delle elemenentari. La responsabile del Servizio bibliotecario che promuove l’evento con il supporto dei finanziamenti assegnati dalla Regione FVG per il tramite dell’UPT, ci fa un’anticipazione annunciando che la terza edizione del FLIT si svolgerà dal 18 al 22 ottobre, sperando nella clemenza della situazione epidemiologica. Libri dei succitati autori sono già noleggiabili alla Biblioteca civica e altri arriveranno per essere distribuiti e divulgati nelle scuole italiane dell’Istria e di Fiume.

Liana Diković

Facebook Commenti