Medolino ha 45 milioni di motivi per dire grazie all’Europa

In occasione della Giornata che celebra la pace e l’unità nel Vecchio continente, il Comune ha tracciato un bilancio sugli investimenti in loco con i fondi UE

Il Parco archeologico di Visola è in buona parte frutto dei finanziamenti UE

Il 9 maggio del 1950 a Parigi cominciava, con la dichiarazione di Schuman, il percorso verso l’integrazione degli Stati europei. Con quest’atto si ponevano le basi dell’attuale Unione europea, ed è per questo che dal 1985 “la festa dell’Europa (9 maggio) celebra la pace e l’unità nel Vecchio Continente, come indica il sito dell’UE. Pace e unità che anche il Comune di Medolino ha deciso di celebrare. Lo ha fatto con una nota pubblicata sul suo sito Internet. Naturalmente, i vertici della pubblica amministrazione di Medolino hanno anche augurato una buona Festa dell’Europa a tutti i cittadini.
Un dipartimento ad hoc
Il Comune ricorda infatti che nel 2018 è stato aperto in seno all’amministrazione locale un dipartimento ad hoc dedicato ai progetti europei, al quale è stato affidato il compito di elaborare programmi da candidare all’ottenimento di fondi da parte dell’Unione europea. L’iniziativa si è rivelato un successo. Negli ultimi due anni il Comune di Medolino è riuscito ad attrarre oltre 45 milioni di kune di finanziamenti europei, senza i quali sarebbe stato impossibile realizzare i tantissimi progetti portati a termine con successo. I responsabili dell’amministrazione medolinese evidenziano poi che, soltanto negli ultimi quattro mesi, il Comune ha candidato all’ottenimento di finanziamenti dall’UE ben 9 progetti. Uno è già stato approvato e sarà finanziato al 100 per cento. Nelle prossime settimane e mesi, il Comune prevede di candidare (attraverso il ministero dello Sviluppo regionale e i Fondi europei) al concorso Erasmus+ altri 10 progetti. Ricordato questo, i vertici della pubblica amministrazione hanno ribadito che quello di Medolino è uno dei Comuni più virtuosi quando di tratta di attrarre finanziamenti europei. Come sottolineato in precedenza, sono tantissimi i progetti dell’amministrazione medolinese approvati dall’UE, i cui finanziamenti hanno sempre raggiunto il 70-85 per cento (e in alcuni casi il 100 per cento) del costo complessivo.
I progetti realizzati

Una fase dei lavori di costruzione dell’asilo di Pomer

Dei tanti progetti realizzati grazie all’UE, il sindaco Goran Buić tiene a evidenziare quello del Parco archeologico di Visola e della sistemazione del Parco della Storia di Bagnole. Tra gli altri progetti segnalati dal primo cittadino figurano poi l’iniziativa di valorizzazione e promozione del patrimonio naturale di Capo Promontore “Orka”, l’installazione di punti di accesso WiFi gratuiti su tutto il territorio comunale, la costruzione dell’asilo di Pomer e il successivo acquisto delle attrezzature, la costruzione dell’eco-centro di Medolino, l’acquisto dei contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti, la ricostruzione dell’asilo di Vincural e numerosi altre iniziative dedicate alla tutela della salute dei cittadini e alla lotta contro le dipendenze. Tornando ai progetti candidati di recente all’ottenimento dei finanziamenti dell’UE, dal Comune sottolineano che il loro valore si aggira intono ai 2,6 milioni di kune. Tra questi figurano il progetto dedicato alla tutela dell’ambiente “Pametne ruralne zajednice 21” (Comunità rurali intelligenti), la sistemazione della palestra scolastica di Bagnole, la ristrutturazione dell’asilo di Promontore e la sistemazione della spiaggia medolinese di Bijeca.
Rete Internet a banda larga
Oltre a candidare direttamente i propri programmi, il Comune di Medolino è anche partner secondario di altri progetti, come quello della Telekom, che a Medolino, Lisignano, Barbana e Marzana prevede di realizzare un rete Internet a banda larga ultraveloce del valore complessivo di circa 60 milioni di kune. La pubblica amministrazione tiene a ricordare che il lavoro del dipartimento ai Progetti europei collabora con gli imprenditori e gli artigiani locali, che in questo particolare periodo sono invitati a rivolgersi per qualsiasi informazione legata agli aiuti, agli sgravi fiscali e ad altro ai responsabili del dipartimento, fondato tra l’alto anche per aiutare proprio gli imprenditori locali a candidare i loro progetti all’ottenimento di finanziamenti da parte dell’UE.

Facebook Commenti