L’«Arena Grand Kažela» ora brilla di lusso (foto)

Dopo i lavori di riassetto, a Medolino è sorto un vero camping a quattro stelle con chalet e spaziose strutture per famiglie che si estendono su 110 ettari di terreno con vista sul mare. L’Arena Hospitality Group che lo gestisce ha investito 38 milioni di euro

La piscina più... olimpionica d’Istria all’interno del rinnovato “Grand Kamp Kažela” a Medolino

Sarà che la villeggiatura in tenda, un tempo quando il campeggio di Kažela era soltanto naturistico ancora discreto e appartato, lontano dagli occhi e dalle tendenze del turismo di massa – avrà avuto il suo fascino come la classica sistemazione in semplice costruzione di tela e paletti, a tu per tu con il problema delle strutture fai da te, magari su terriccio umido, alle prese con ragni e insetti. Era la vacanza da pochi soldi. Ma i tempi sono cambiati. Basta raggiungere Medolino e ammirare da vicino i miracoli che possono compiere 38 milioni di euro d’investimento. L’Arena Hospitality Group ha saputo cavalcare l’onda del turismo diventato più esigente, benestante, amante del comfort che, oggi, durante quelle poche vacanze concesse nell’intermezzo tra gli impegni di lavoro, magari stressante, pretende mobile home (eventualmente camper o roulotte), relax e non frustrazioni in tendine da figli dei fiori. Dopo diversi mesi di intenso lavoro di ammodernamento, il campeggio più popolare di Medolino, in questo che è il Comune più turistico di tutta la Croazia, brilla di lusso e di natura marina da idillio. Sono 110 ettari di terreno con vista sul mare. È sorto un vero camping village a quattro meritate stelle, con chalet e spaziose strutture per famiglie, ma anche location nel bosco con abbondanza d’ombra, sistemazione dentro roulotte in affitto e accessi diretti alla spiaggia.
Arrivati i primi turisti
In questo periodo di fine maggio un tale soggiorno marino sarebbe pullulato di turisti. Ma è l’emergenza Covid-19 ad avere messo in ginocchio l’industria dell’ospitalità. Il “Grand Camp Kažela“ (questa la nuova denominazione) ha aperto i suoi spazi da pochi giorni e dopo tanta atmosfera da allarme sanitario, pare un miracolo veder arrivare i primi sparuti turisti. Le previsioni (e speranze) della direzione dell’area camping si sono avverate: una trentina di famiglie sono sbarcate dalla Slovenia e dall’Austria. Sembra nulla su una tale estensione di terreno, ma è già qualcosa. Tanto più che la possibilità di spaziare permette un soggiorno all’insegna del rispetto delle regole di lontananza, secondo standard designati dagli addetti al monitoraggio sanitario, mentre il livello di igiene risulta impeccabile sia negli ambienti comuni, come servizi igienici e docce, sia in quelli privati, come bungalow e case mobili. Macchine parcheggiate con immatricolazione di Maribor a fianco di chalet, famiglie di camperisti austriaci che cenano sistemate in piazzola mansardata con sguardo verso il mare, sono primissimi segnali di speranza per la stagione che verrà e che forse nei mesi di luglio, agosto e settembre porterà la gratifica per gli investitori (stranieri) e lavoro per gli stagionali (di casa).
Una vacanza sicura
Gioca a favore la convinzione che la sistemazione in campeggio rappresenti la modalità più sicura di villeggiatura, che l’acqua di mare, sabbia e ciottoli siano elementi sicuri, che la permanenza su spiaggia e i bagni di mare possano solo garantire benessere e momenti di assicurata tranquillità a beneficio della salute psico-fisica. Saranno stati questi i motivi, uniti alla buona situazione epidemiologica di cui gode la penisola istriana, per cui i primi turisti del campeggio medolinese sono proprio quelli che comunque tornano puntuali ogni anno, richiedendo la stessa sistemazione apprezzata negli anni passati per rivivere la pace di sempre.
Due km di villeggiatura
Rispetto a quella del 2019, la stagione 2020, però sfoggia un’area di villeggiatura a dir poco spettacolare, estesa lungo una spiaggia di due chilometri e con niente meno che 1.600 unità di sistemazione, 208 mobil home dotate dei massimi comfort. Sono tre le modalità di soggiorno che saranno l’imbarazzo della scelta per ogni turista più esigente. Vedi le “ville”, ossia camping home, nuove di zecca, arredate di lusso e fantasia da 45 metri quadrati, le costruzioni eco-green fabbricate in maniera ecosostenibile per soddisfare i viaggiatori più eco-consapevoli, ma anche amanti degli ambienti comodi e piacevoli, fino ai chalet di tipo “Next” adatto agli ospiti che vogliono venire proprio “viziati” da massimi standard e da sistemazioni a livello di quelle alberghiere. L’ambiente naturale che attornia le strutture di soggiorno offre sensazione di pace e tranquillità accompagnata dal profumo di amarillis, ginestre e di altre piante mediterranee e del mare. Enorme è l’investimento nel giardinaggio e nei sistemi d’irrigazione. A tanto si aggiungono 110 lotti di terreno da camper o tenda (se proprio si insiste…), dotati di propria infrastruttura, elettricità, acqua e sistema di scolo autonomo.
Una piscina extralarge
In aggiunta agli alloggi di lusso, gli ospiti potranno godere anche della nuova piscina a sfioro infinito, mentre i più piccoli potranno divertirsi in una piscina progettata appositamente per una vacanza attiva. Forse una delle apparizioni più favolose del villaggio da camping è proprio la nuova mega piscina: è larga soltanto quattro metri, ma lunga addirittura 80, al punto da permettere nuotate da discipline olimpiche. Sedie a sdraio e ombrelloni sistemati tutto attorno, attendono e contano sull’arrivo dei futuri ospiti-bagnanti. Fanno parte dell’area turistica il ristorante, gli snack-bar con gelateria ancora in fase di apertura, nonché i servizi igienico-sanitari costruiti a nuovo, come quelli di bagno-doccia e da lavanderia di altissima qualità e design innovativi. I percorsi fitness e campetti da gioco sono attualmente (e provvisoriamente), occupati da poca gioventù e famiglie del luogo, che convivono con la dimensione turistica nel rispetto dell’ambiente, consci che il medesimo produce fonti di sostentamento per il Comune e i suoi abitanti. Della “maledizione“ tecnologica, però, non ci si liberà manco in vacanza: in tutta l’area da camping vi è accesso libero a Internet e il servizio TV reperibile mediante protocollo IPTV.
Regna la convinzione che questo sia il campeggio più grande e meglio attrezzato del sud Istria. Non manca niente. Soltanto i turisti… Per adesso.

Facebook Commenti