I dipendenti dell’Ospedale di Pola a lezione di lingua italiana

L’Ospedale di Pola

L’Assessorato regionale della Comunità nazionale italiana e altri gruppi etnici, conformemente ai propri indirizzi programmatici e agli obiettivi che persegue in funzione della cittadinanza appartenente a gruppi minoritari e dell’etnia italiana in particolare, punta sul rafforzamento della conoscenza e divulgazione dell’idioma italiano in Istria. Una missione nobile che mette in luce la specificità e l’ulteriore considerazione nei confronti della ricchezza multietnica e plurilinguistica esistente in Regione. Già alla fine del 2019 erano stato organizzati corsi di lingua italiana per un centinaio di artigiani e un’ottantina di poliziotti. Attualmente, si sta proponendo un secondo ciclo di corsi gratuiti di lingua italiana che torneranno utili alle necessità dell’Ospedale generale di Pola. L’interesse dimostrato è molto grande, a conferma che la conoscenza dell’italiano in Istria è più che indispensabile. Se ne è reso conto pure il personale medico-ospedaliero di Pola che in gran numero ha aderito all’iniziativa.
I corsi sono organizzati e finanziati dall’Assessorato istriano e vengono proposti e svolti dai docenti dell’Università popolare aperta di Pola. Sono iniziati quest’anno nel mese di febbraio e dureranno complessivamente 50 ore scolastiche. Sono previsti complessivamente 9 corsi per circa 200 dipendenti dell’Ospedale di Pola, che si sarebbero dovuti concludere entro la fine dell’anno. Vista l’emergenza Covid-19, finora quattro corsi sono terminati con successo, mentre il resto verrà realizzato verso la fine dell’anno e all’inizio del 2021. Va sottolineato che al progetto ha aderito anche l’Unione Italiana con una partecipazione finanziaria con cui si è in grado di coprire i costi per tre dei corsi complessivi. Oltre a ciò, a fine anno, l’Assessorato promuoverà seminari di lingua italiana per gli addetti dell’amministrazione statale, passati sotto le ingerenze della Regione istriana, che lavorano a diretto contatto con il pubblico.

Facebook Commenti