Dignano e Gallesano. Alle CI 243mila kune

0
Dignano e Gallesano. Alle CI 243mila kune
Per il Festival Leron sono state stanziate 60mila kune. Foto: DANILO DRAGOSAVAC

Cultura: 484.000 kune; Sviluppo della società civile: 6mila; Prescolare e scolare: 110mila; Assistenza sociale e sanità: 82mila; Agricoltura: 277.991,88; Turismo: 10mila kune. Entro questi settori d’attività la Città di Dignano ha distribuito 969.991,88 kune, sostenendo programmi e manifestazioni con cui varie organizzazioni, enti e associazioni avevano aderito al concorso bandito dall’amministrazione pubblica. Non tutte le richieste hanno ottenuto luce verde. Vediamo com’è andata.

Programmi e manifestazioni culturali avranno, come detto, quasi mezzo milione di kune. La Comunità degli Italiani di Dignano avrà a questo titolo 5mila kune per il Premio letterario “Favelà”, altre 60mila per il Festival internazionale del folclore “Leron” e 100mila quale supporto istituzionale (quindi, 165mila kune). La CI di Gallesano si è vista assegnare 5mila kune per la pubblicazione dell’annuale “El portego”, 23mila per la Degustazione dei piatti tipici della cucina gallesanese e altre 50mila a titolo di supporto istituzionale (78mila kune in tutto). Non ha avuto un punteggio bastante la mostra dei presepi “Sogno di Natale”. L’Associazione dei montenegrini di Peroi non ha ottenuto mezzi per l’inaugurazione della Biblioteca Njegoš, ma ha ottenuto 22mila kune per celebrare il 365.esimo della venuta dei montenegrini nella località e 40mila a sostegno delle attività istituzionali. La SAC Vodnjan non avrà il sostegno cittadino per la promozione del patrimonio culturale dell’Istria e della Croazia. Senza supporto pure la SAC bosgnacca per la “Notte bosgnacca” e un non meglio specificato viaggio. Niente assegnazioni nemmeno alla Comunità Nazionale Bosgnacca per il Festival della cultura bosgnacca a Dignano e una manifestazione sportivo-culturale-associativa. Se sarà Nostalgia fest, sarà senza la partecipazione finanziaria della Città: l’organizzatore, Vodnjanski đir, non ha superato la soglia del punteggio stabilita. L’Apoteka ha ottenuto 40mila kune per lo svolgimento di tre programmi In questo capitolo leggiamo un assegnazione di 50mila kune all’Ecomuseo per il programma “Otto anni di valorizzazione delle tradizioni dignanesi”, nonché appoggi all’associazione Ars et labor per i programmi “Portali storici della città di Dignano” e la seconda fase del progetto “Stemmi della Città di Dignano” (nell’insieme 27mila kune); all’Informo 25mila kune per l’Intercultural changemarker’s festival).

Nel capitolo “Sviluppo della società civile”, l’unica assegnazione è per l’Associazione dei Combattenti antifascisti, che ha ottenuto 6mila.

Un assegno di 110mila kune, a copertura dei programmi e delle manifestazioni nel Prescolare e scolare, verrà suddiviso tra la Società Nostra Infanzia (85mila), il teatro Naranča (10mila), l’associazione artistico-culturale Akt (5mila), il Club degli studenti istriani di Fiume (5mila) e il Sub movements (5mila).

Il settore Sociale e sanità avrà 82mila kune, a copertura di 14 programmi (due non hanno superato la soglia del punteggio).

Il settore Agricoltura vede sostegni all’Ecomuseo (23mila kune per la Fattoria didattica) e all’Agroturist (254.991 kune). Punteggio scarso e quindi niente sostegni finanziari per l’Informo e per la Rassegna dei cavalli a sangue freddo. E infine, nel campo d’attività del Turismo saranno assegnazioni per 10mila kune, da dividere tra la Pro loco (6mila), il Sub Movements (2mila) e l’Ars et labor (2mila, per la seconda fase del progetto “Per Dignano a testa in su).

La Delibera è consultabile sul sito della Città di Dignano, www.vodnjan.hr.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display