Cura un laboratorio indoor di marijuana

0
Cura un laboratorio indoor di marijuana
Una piantina di cannabis

In seguito all’approfondimento delle indagini circa movimenti sospetti da parte di un 36.enne cittadino croato, la polizia di Pola è riuscita a scoprire un vero e proprio laboratorio clandestino per la produzione e lo spaccio di sostanze stupefacenti. Il responsabile è stato tratto in arresto e messo a disposizione dell’autorità giudiziaria dopo di che gli agenti hanno proceduto alla perquisizione del suo alloggio. Accedendo nell’abitazione hanno subito appurato che il suo proprietario aveva organizzato all’interno un’apposita struttura per la lavorazione chimica e la produzione di droga nello specifico un piccola fabbrica di marijuana, ossia 22 piantine di cannabis e materiale per la sua coltivazione indoor, nonché per l’estrazione di sostanze stupefacenti. Sono diventati oggetto di sequestro 56 grammi di marijuana essiccata, 12 grammi di ramoscelli di canabis, 8,2 grammi di funghi allucinogeni e denaro derivante da vendita illecita. Le sostanze stupefacenti verranno date in consegna per la perizia al Centro di indagini forensi “Ivan Vučetić” di Zagabria.

La canapa indiana sequestrata al 36.enne

Nella giornata di sabato l’uomo è stato tradotto nelle carceri preventive della Questura istriana.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display