Condonata l’acqua per spegnere l’incendio

Le utenze di Valdibecco, Vintian e Dolinka si vedranno scontare le bollette, portate al consumo solito

0
Condonata l’acqua per spegnere l’incendio
Foto: SASA MILJEVIC/PIXSELL

Centinaia di alberi arsi alle fiamme e una campagna desolatamente nera. È quello che ha lasciato dietro di sé lo spaventoso incendio che agli inizi di luglio ha messo in serio pericolo i residenti di Valdibecco, Vintian e Dolinka. Un incendio terribile, scoppiato in un’area boschiva dell’abitato di Valdibecco, ed estesosi in breve tempo, sospinto dal forte vento di bora, fino a via Promontore e poi oltre, fino a lambire gli abitati di Vintian e Dolinka, seminando il panico e mettendo a rischio gli abitanti e le loro abitazioni. Rischio che è stato scongiurato grazie all’immane sforzo dei Vigili del fuoco dei Comandi di Pola, Rovigno e Pisino, dei pompieri delle Unità volontarie di Dignano, Peroi, Fasana, Lisignano, Medolino, Sutivanac, Sanvincenti e Marzana: 75 uomini in tutto, che per sette lunghissime ore hanno lottato contro le fiamme. Una mano l’hanno data anche i residenti della zona, che muniti di gomme e secchi dell’acqua, pale e quant’altro, sono riusciti a evitare che le fiamme raggiungessero le case. Il gesto di grande senso civico dei residenti della zona non è di certo passato inosservato dalle parti di piazza Foro. La Città di Pola ha infatti deciso di “premiare” tutti i residenti del rione di Valdibecco impegnati nello spegnimento dell’incendio, che non dovranno sborsare nemmeno una kuna per il surplus d’acqua consumata per spegnere le fiamme. L’informazione è stata rilasciata ieri dall’Ufficio per le relazioni con il pubblico della Città, i cui responsabili fanno inoltre sapere che già ieri alcuni addetti ai lavori della “Vodovod”, l’ente idrico locale, sono stati inviati sul posto con l’obiettivo di raccogliere quanti più dati sul consumo d’acqua da parte delle utenze. Se i consumi risulteranno essere maggiori rispetto alla media, alle utenze sarà inviata una bolletta pari a quella del mese di luglio di un anno fa. La stessa misura sarà adottata anche per i residenti di Vintian (Comune di Medolino) che hanno contribuito a spegnere l’incendio. Lo hanno confermato ieri sia il direttore della “Vodovod”, Edo Krajcar, che il sindaco di Medolino, Ivan Kirac, che non appena appresa la notizia ha subito richiesto che la stessa misura sia applicata anche per le utenze dell’abitato di Vintian. I residenti delle aree colpite dall’incendio che in questo mese hanno avuto un consumo superiore alla media e che ancora non sono stati contattati dai responsabili inviati ieri sul posto, possono rivolgersi direttamente alla “Vodovod” telefonando al numero 098/9837549.

Foto: SASA MILJEVIC/PIXSELL

Tutti i diritti riservati. La riproduzione, anche parziale, è possibile soltanto dietro autorizzazione dell’editore.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display