All’agricoltura mezzo milione di kune

Gli incentivi sono destinati anche a coloro che vendono frutta e ortaggi tramite Internet

L’industria turistica è in piena crisi per cui tanto vale che la politica di sviluppo e consolidamento del territorio si concentri ulteriormente a rafforzare il posizionamento competitivo di altri settori, produttivi soprattutto. Ed ecco che si riscoprono i valori della terra e dei suoi prodotti alimentari. La Città di Pola tenta di contribuire al mantenimento del ramo agrario attivando il proprio Programma di supporti all’agricoltura e allo sviluppo rurale a favore di coloro che ricavano utili dalla campagna. La cifra in palio è pari a 510mila kune da assegnare come partecipazione agli investimenti nel settore e anche a fondo perduto nell’arco di tempo che va dal 2021 al 2023. Lo scopo è quello di rendere concorrenziale sul mercato la produzione locale del sud dell’Istria. “Detti investimenti – ha sottolineato il sindaco di Pola, Boris Miletić – potranno venire utilizzati per facilitare l’acquisto di macchinari agricoli, di semi e piante, per proporre programmi formativi d’abilitazione in materia di coltivazione agricola, per sostenere il lavoro delle cooperative e delle aziende agricole a conduzione familiare, l’organizzazione di mercatini, fiere e sagre”.

 

Con i mezzi di Bilancio preventivati s’intende riservare una particolare disponibilità di sostegno anche nei confronti di coloro che vogliono cimentarsi nella vendita di ortaggi e di frutta tramite Internet, come modello innovativo di piazzamento di prodotti bio e cibi sani direttamente in Rete. La Città è tra l’altro volenterosa di coprire parte delle spese indispensabili per i controlli dei professionisti del settore agricolo, che vengono ingaggiati nella valutazione della genuinità di quei prodotti che ambiscono all’ottenimento del marchio ecologico. Tutti gli interessati a un contributo finanziario possono trovare la documentazione necessaria ed ulteriori informazioni in merito dalle pagine ufficiali dell’a,mministrazione municipale (www.pula.hr).

Facebook Commenti