A Pola i migliori ballerini del mondo

Da domani a domenica a Veruda si disputerà il Campionato mondiale di danza sportiva moderna

Una ballerina alla scorsa edizione svoltasi sempre a Pola. Foto: Dusko Marusic/PIXSELL

Il Campionato mondiale di danza sportiva moderna torna a Pola per il secondo anno consecutivo e il quarto in tutto dal 2008 in qua, segno che i promotori della Federazione Internazionale di Danza (IDF nell’acronimo inglese) gradiscono l’impegno dei partner locali e della Città di Pola. Per organizzare dunque il prossimo Campionato mondiale al Palasport di Veruda, Tatjana Samuele Ban dell’associazione TASA (Art Dance Studio) e il presidente della Federazione, Leandro Senesi, sono tornati a unire le forze e hanno mobilitato allo scopo anche tutto l’aiuto logistico possibile dell’amministrazione comunale. Ieri mattina, intanto, hanno convocato la stampa per anticipare l’evento della settimana (22-26 maggio) e illustrarne il programma.

Tremila ballerini

L’occasione non è di tutti i giorni, si capisce, anche perché coinvolge la bellezza di 3.000 ballerini di professione, istruttori di danza, coreografi e giudici di gara, che saranno a Pola, chi per uno giorno e chi per due, e chi infine per tutta la durata della rassegna. La competizione inizia domani pomeriggio con una sfilata dei partecipanti, pioggia permettendo, dalle ore 14 alle 15. Il variopinto e movimentato corteo partirà dal Ninfeo (Arena), per dirigersi verso i Giardini, piazza Port’Aurea, via Sergia e raggiungere piazza Foro, dove si terrà una breve ma attraente cerimonia d’apertura. Sarà un po’ come ai Giochi olimpici: ogni nazionale porterà la bandiera del proprio Paese, e di Paesi in gioco ce ne saranno ben 30. Sempre in piazza Foro, trecento ballerini riuniti per l’occasione presenteranno una coreografia rappresentativa del Campionato, un video da diffondere in rete, a mo’ di cartolina e ricordo della competizione.

Tre palcoscenici

Compiuti i convenevoli, ci si trasferisce al Palasport per le gare propriamente dette. Il parquet del Palazzetto dello sport di Veruda sarà diviso in tre stage per tre contemporanee esibizioni. Lo schema della competizione è abbastanza articolato, intanto perché le discipline di gara sono addirittura 19 (Belly Dance, Boogie Woogie, Brak Dance, Disco, Disco Freestyle, Disco Slow, Fantasy, Fit-Kid, Folk, Free Dance, Funky, Hip hop, House, Jazz Funk, Latin/Caribbean, Popping, Rock’n’Roll, Tap Dance, Techno, Twist e Waaking), poi perché entro ciascuna delle discipline si contano altre categorie di competizione secondo il numero dei partecipanti (Solo, Duo, Couples, Small Groups, Formations e Production) e infine perché tutti i concorrenti sono divisi ancora per età e grado di preparazione fisica in bambini, cadetti, giovani e via dicendo. Che Pola ci sappia fare ad accogliere competizioni sportive è accertato, e il ritorno del Campionato mondiale ne è la migliore conferma. Pertanto la Pro Loco con in testa Sanja Cinkopan Korotaj e l’assessorato alla cultura con al timone Jasmina Nina Kamber, investono volentieri tempo e risorse in questo tipo di eventi. In senso lato, tutti i concorrenti e tutto lo staff della competizione sono in realtà turisti in visita alla città e quindi potenziali ambasciatori del turismo nostrano.
Gli appassionati della danza moderna, che interessa soprattutto i giovanissimi (gli stessi concorrenti in gara hanno un’età compresa tra i cinque e i vent’anni), potranno assistere alle competizioni che si terranno ogni giorno dalle ore 9 alla mezzanotte, a esclusione della giornata d’apertura, quando le gare avranno inizio soltanto nel pomeriggio (dopo la sfilata in centro città o, altrimenti, in caso di pioggia, dopo l’inaugurazione al Palasport). Il prezzo del biglietto d’ingresso è di 35 kune a persona e vale per tutto il giorno.

Facebook Commenti