«UmaGOgreen». Salute ed estetica

La Città e la società municipalizzata Komunela hanno piantato nel corso dell’anno circa 100 alberi

I cipressi piantati nel parco giochi della SE di Bassania

La Città di Umago ha aderito anche quest’anno all’azione indetta a livello nazionale “Pianta un albero, non essere un ceppo”, in collaborazione con l’Associazione umaghese per la protezione della natura e dell’ambiente. Nel corso del 2021, la prima azione si era svolta in marzo, mentre la seconda è attualmente in corso. Nell’occasione, la Città di Umago e la società municipalizzata Komunela hanno piantato 8 cipressi piramidali stretti (Cupressus sempervirens pyramidalis stricta), nel parco giochi della Scuola elementare di Bassania e altri 14 alberi ornamentali nel circondario dell’asilo “Radost-Gioia”.

 

L’azione è soltanto un tassello del progetto “UmaGOgreen”, che la Città porta avanti permanentemente, cercando di creare una città sempre più verde e sana. Così, l’amministrazione cittadina e la municipalizzata Komunela, piantando alberi in primavera, hanno anche celebrato la Giornata della Terra, che ricorre il 22 aprile, nel modo più bello possibile, ovvero piantando 30 alberi lungo il nuovo percorso del lungomare umaghese sul tratto Spina – San Pellegrino.

L’azione nel giardino dell’asilo “Radost-Gioia”

Nel centro della città e negli insediamenti circostanti vengono inoltre continuamente piantati alberi e viene organizzata l’orticoltura per trasformare la città in un ambiente più sano, in un luogo più bello e piacevole dove trascorrere il tempo libero. Nel corso del 2021 nell’area di Umago e negli insediamenti circostanti sono stati piantati circa 100 alberi. In definitiva, possiamo concludere che piantare nuovi alberi è il regalo più bello per la comunità, le generazioni future, la salute dei concittadini e l’estetica della città.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.