Umago. Nasce il viale dei donatori di sangue

La Città ha messo a dimora 40 alberi di tiglio, ciascuno riportante il nome dei più assidui

La targa dedicata ai donatori di sangue posta all’inizio del viale

La Città di Umago ha dedicato ai donatori di sangue un viale, formato da ben 40 alberi di tiglio, in segno di gratitudine a coloro che hanno steso il braccio più di 50 volte. Ogni albero ha la propria targa con il nome del donatore a cui è dedicato, con all’inizio e alla fine una targa bilingue che spiega il valore di questo viale e di coloro che lo “compongono”.

Il sindaco Vili Bassanese si congratula con Giuliano Melon (108 donazioni)

Ieri, durante la cerimonia d’inaugurazione del viale, che si trova a fianco del canale antialluvionale, reso pedonabile con la copertura in lastre di cemento e dotato dell’illuminazione pubblica, a rivolgersi ai convenuti sono stati il sindaco Vili Bassanese e Hrvoje Kovačević, della Croce rossa del Buiese. Entrambi hanno sottolineato l’importanza dei donatori di sangue, soprattutto oggi che l’emergenza dovuta al Covid-19 ha sconvolto la quotidianità di tutta la cittadinanza, mettendo gli ospedali sotto pressione e portandoli talvolta al collasso. Dunque chi dona il sangue oggi, come ieri, salva la vita di molte persone. E tra i donatori umaghesi molti sono quelli che lo fanno tutta la vita. Alcuni vantano ben oltre le 100 donazioni, meritandosi non soltanto un albero di tiglio, ma il riconoscimento di tutta la società.

Branko Zlatić ha all’attivo 143 donazioni

Ora i loro nomi rimarranno per sempre nella storia di Umago: persone semplici, donne e uomini, giovani e meno giovani. Chi ha molte donazioni è abituato a cerimonie del genere, ma i più giovani vanno incoraggiati. Ieri Umago ha ringraziato tutti e soprattutto la giovane Kristina Poljak, che appena trentenne ha donato il sangue già 25 volte, poi Aleksandar Racman e Marino Kmet, che in breve tempo hanno raggiunto le 50 donazioni. Premiati ed elogiati i donatori più assidui, tra i quali si distingue Branko Zlatić, che ha steso il braccio ben 143 volte, poi Boris Matković (114), Dragutin Kraljić (112), Giuliano Melon (108), Ana Grando (68), (Nadi Tončić) 68, Venis Vošten Zulfikarspašić (61), Nerina Mlinarić (55), Zita Kodilja (55), Eva Vrtovec (55), Nadija Zakinja (53) e Marija Ferlin (53).

Marino Kmet, Kristina Poljak e Aleksandar Racman

Purtroppo alcuni donatori non sono più tra noi, ma nel viale alberato vive comunque il loro spirito di dedizione, d’altruismo, di grandezza verso il prossimo. Un viale che diventerà bellissimo, perché è nato dal nulla, da un semplice canale antialluvionale che circonda la città e che è stato trasformato in una passeggiata, che parte dal ponte presso il cimitero e che terminerà chissà dove. Per ora ha 40 alberi di tiglio, un domani ne avrà molti di più.

Restando in tema d’altruismo e ricorrenze, va ricordato che questa sera, per il nono anno consecutivo, in occasione della Giornata internazionale del volontariato, la Città di Umago premierà anche i volontari. La cerimonia si terrà nella sala del Consiglio municipale con inizio alle ore 17.

Facebook Commenti