«Tičići» e «Girasole»: più comodi sotto lo stesso tetto

Cittanova. Inaugurati ufficialmente i nuovi spazi dell’asilo d’infanzia, che ora dispone di 230 metri quadrati aggiuntivi, in cui si trovano due unità di soggiorno

0
«Tičići» e «Girasole»: più comodi sotto lo stesso tetto
Gli spazi inaugurati

I nuovi spazi dell’asilo d’infanzia cittanovese sono stati inaugurati con una modesta cerimonia di presentazione e il tradizionale taglio del nastro. L’edificio che ospita sia l’asilo “Tičići” che l’italiano “Girasole” è stato ampliato, nella sua parte nord-occidentale, di circa 230 metri quadrati, in cui si trovano spazio due unità di soggiorno di circa 60 metri quadrati, come previsto dagli standard pedagogici, una per ciascuno dei due asili. Sulla rimanente superficie sono stati allestiti degli ambienti comuni: un guardaroba, un ambiente per la cura dei bambini con servizi igienici e triage, una nuova lavanderia e stireria e una terrazza parzialmente coperta.

 

I lavori per la riqualificazione, che ammontano a 2,7 milioni di kune (IVA inclusa) sono stati eseguiti dalla ditta locale “Junior P.” e sono stati cofinanziati dall’Unione Italiana con un importo di 525mila kune. L’autore della soluzione architettonica e del progetto principale è Karla Sučić dello studio “N.O.V.I.N.G.” di Cittanova. I rappresentanti dell’Unione Italiana, il presidente Maurizio Tremul e il presidente della Giunta esecutiva Marin Corva, hanno elogiato la collaborazione con la Città di Cittanova su questo e altri progetti comuni, ringraziando anche il sindaco, Anteo Milos, per tutto quello che fa per la Comunità Nazionale Italiana del territorio. Tremul ha inoltre sottolineato come gli investimenti nelle infrastrutture degli asili e delle scuole siano importanti, ma come sia altrettanto importante investire nel personale, negli educatori e negli insegnanti, soprattutto in coloro che si occupano dei bambini in tenera età, nelle scuole materne e nelle classi inferiori delle scuole elementari.

Il taglio del nastro

Il sindaco Milos ha sposato questo pensiero, confermando come questo tipo d’investimento sia il migliore in ambito cittadino e sociale: “Ecco perché sono estremamente lieto che, con quest’ampliamento dell’asilo, abbiamo consentito migliori condizioni di lavoro e di soggiorno sia per i bambini che per i dipendenti delle due istituzioni prescolari di Cittanova, che funzionano in modo eccellente e meritano il nostro sostegno. Continueremo quindi ad ascoltare le loro esigenze e a effettuare gli investimenti necessari. Da quest’anno abbiamo consentito a tutti i bambini d’iscriversi all’asilo, il che ha risolto in modo qualitativo le esigenze dei nostri cittadini più piccoli e dei loro genitori”, ha rilevato Milos, ringraziando tutti coloro che hanno reso possibile l’esecuzione dei lavori in tempi brevi e il completamento della nuova parte dell’asilo, attrezzandola completamente per accogliere i bambini all’inizio del nuovo anno pedagogico.

Soddisfatte pure le direttrici degli asili Mirjana Andrilović (“Tičići”) e Arianna Doz (“Girasole”), che rivolgendosi ai presenti hanno ringraziato per questo più che necessario investimento, che faciliterà notevolmente il lavoro ed eleverà lo standard in entrambe le istituzioni. Le due sezioni quest’anno contano congiuntamente 190 bambini, 120 nel “Tičići”, di cui 54 in quattro gruppi del nido e 70 nel Girasole, 25 dei quali in due gruppi nido.

All’inaugurazione dell’ampliamento dell’asilo hanno partecipato anche la vicesindaco CNI, Vivijana Fakin, i vertici della CI, Paola Legovich Hrobat e Glauco Bevilacqua, il presidente del Consiglio d’amministrazione del “Tičići” Lorna Lisjak Makin, l’assessore cittadino Alen Luk, il supervisore dei lavori Ivan Ponjavić e Valdi Škrinjar per l’appaltatore.

Anteo Milos, Vivijana Fakin, Paola Legovich Hrobat, Maurizio Tremul e Glauco Bevilacqua in Municipio

Incontro in Municipio

Il sindaco Milos ha rivolto parole di gratitudine particolari all’Unione Italiana, ricordando che nelle ore mattutine nella sede municipale si è tenuto un incontro con i rappresentanti dell’UI nel corso del quale, oltre alla presentazione della nuova vicesindaco Vivijana Fakin, eletta tra le file della CNI, sono stati evidenziati diversi progetti. Alla presenza di Paola Legovich Hrobat e Glauco Bevilacqua, sono stati esposti gli esempi positivi di cooperazione, come l’Accademia di tiro dell’UI a Cittanova e la costruzione di una nuova Scuola elementare italiana, un progetto del valore di circa 25 milioni di kune, da tutti definito particolarmente importante e per il quale hanno espresso la disponibilità ad adoperarsi per iniziare quanto prima la costruzione.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display