Siana, piccoli volontari crescono

Gli alunni della scuola elementare hanno prestato aiuto agli animali abbandonati e fatto visita ai senzatetto

Un momento dell’azione che ha visto coinvolti i bambini dell’elementare di Siana

Gli alunni della Scuola elementare Siana hanno portato a termine l’azione umanitaria con la quale hanno prestato aiuto agli animali abbandonati e allo stesso tempo instaurato i rapporti con i cittadini meno abbienti. Gli alunni con le rispettive docenti incluse nel progetto, in collaborazione con l’Associazione animalista “Ruka šapi (Qua la zampa)” hanno visitato i cani e i gatti abbandonati dei quali si prendono cura gli assistiti del Rifugio per i senzatetto della Croce rossa polese. A causa dei limiti imposti dalle misure epidemiologiche e conseguenti lezioni online, i ragazzini del gruppo ecologico “Mladi prirodnjaci (Giovani ambientalisti)”, hanno cotto dei dolci per i cani a casa propria. Assieme ai loro colleghi più giovani della IV classe del gruppo ecologico “Mali prirodnjaci (Piccoli ambientalisti)” si sono recati nel Rifugio dove sono stati accolti da Helena Babić, che gestisce il soggiorno dello stesso. Nella circostanza agli scolari è stato illustrato il funzionamento dell’istituzione e poi hanno fatto amicizia con gli assistiti che si prendono cura degli animali. Infine, dopo aver trascorso del tempo assieme ai cani e ai gatti e dato loro i dolcetti, gli alunni hanno consegnato ai senzatetto delle donazioni. Questa lodevole iniziativa degli scolari della Scuola elementare Siana si è svolta nell’ambito del progetto dell’Associazione ambientalista “Zelena Istra – Istria verde” denominato “Znanje za održivo djelovanje (Il sapere per un’efficacia sostenibile)”. Nel corso dello stesso si sono svolti dei laboratori in merito alle attività del Centro per il volontariato Istra durante i quali i ragazzi, sostenuti dai soci di ”Istria verde”, hanno pianificato una propria azione. Accanto agli alunni della Scuola elementare Siana, il programma di laboratori sul volontariato ha visto coinvolti pure gli alunni delle Scuole elementari Castagner e Monte Zaro, del Ginnasio polese, nonché da altre due scuole di Knin incluse nel progetto. Quest’ultimo viene portato a termine grazie al Programma di collaborazione svizzero-croato. “Il sapere per un’efficacia sostenibile” è finanziato dall’Ufficio delle Associazioni della Repubblica di Croazia, nonché dal Ministero della Scienza e dell’Istruzione croato.

I biscotti prodotti dagli alunni

Facebook Commenti