Rovigno. Via i tetti in amianto

Dalla Città sovvenzioni per la rimozione del materiale pericoloso e la posa di una nuova copertura

Una panoramica di Rovigno

La Città di Rovigno ha pubblicato il concorso per il cofinanziamento della rimozione e della sostituzione delle coperture contenenti amianto. Il diritto di utilizzo dei fondi può essere realizzato da una persona fisica proprietaria o comproprietaria di un edificio ubicato sul territorio cittadino, stabile che non deve essere in fase di costruzione o che non è ancora stato legalizzato ai sensi della legge vigente.
Dopo un’ispezione in loco, durante la quale verranno determinate l’esattezza dei dati forniti e le reali condizioni degli stabili, si procederà con l’accertamento dei costi di rimozione di questo materiale altamente nocivo, usato su larga scala anni addietro come rivestimento ideale per tetti. Affinché tutte le spese ammissibili nel processo di sostituzione vengano considerate giustificabili è necessario assicurare e dimostrare che la procedura di rimozione e smaltimento del materiale contenente amianto sia stata effettuata in modo appropriato, nonché fornire la prova d’acquisto di una nuova copertura per il tetto e la documentazione sul costo dei lavori di montaggio eseguiti. Le sovvenzioni possono coprire l’importo di 100 kune al metro quadrato per la rimozione della copertura contenente amianto fino a un massimo di 10mila kune (IVA inclusa) per ogni singolo edificio.
Oltre a soddisfare tutte le condizioni elencate, la procedura di classificazione delle domande pervenute e la selezione finale dei beneficiari si baserà su alcuni criteri che comportano punteggi diversi, come la tipologia dell’edificio (abitativo, d’affari, agricolo), l’ubicazione e la grandezza del tetto.
Il concorso per l’assegnazione dei cofinanziamenti bandito dalla municipalità rimarrà aperto fino il 23 aprile prossimo.Il testo integrale del concorso pubblico e la modulistica sono accessibili sul sito web cittadino www.rovinj-rovigno.hr.

Facebook Commenti