Rovigno: sovvenzioni per il riassetto delle facciate

Il concorso per l’assegnazione dei finanziamenti bandito dalla municipalità rimane aperto fino al 22 marzo prossimo

Una viuzza del centro storico di Rovigno

Pubblicato questa settimana, rimane aperto fino al 22 marzo prossimo l’Invito pubblico per il cofinanziamento della ristrutturazione delle facciate e dei tetti degli edifici nel nucleo storico-culturale della Città di Rovigno. Le richieste possono venir presentate direttamente dal proprietario dell’edificio o, nel caso ci fossero altri comproprietari, dall’amministratore unico che li rappresenta. Le spese ammissibili per il cofinanziamento prendono in considerazione i costi della stesura della documentazione progettuale, quelli d’acquisto delle attrezzature, i costi di esecuzione dei lavori di rinnovo della facciata e del tetto dell’edificio con o senza rinnovo energetico nonché quelli per l’esecuzione di una diagnosi energetica e di compilazione del relativo certificato.

Molte facciate sono da rifare

Per la ristrutturazione il richiedente può ottenere il cofinanziamento del 50% delle spese ammissibili, comunque fino a un massimo di 20mila kune (IVA inclusa) per singolo edificio quando i lavori riguardano la ricostruzione delle facciate, mentre per i tetti il cofinanziamento raggiunge il 25% delle spese, ma non oltre le 15mila kune.

Per quel che riguarda il rinnovo energetico degli edifici, allo scopo di aumentarne la percentuale di risparmio energetico, vengono prese in considerazione anche le spese relative l’acquisto e l’installazione di sistemi aggiuntivi di isolamento termico del rivestimento esterno (pavimento e soffitto dello spazio riscaldato).

I lavori devono essere eseguiti e realizzati in base alle apposite condizioni e ai consensi preliminari rilasciati dalla Sovrintendenza ai beni culturali.

Il testo integrale dell’Invito pubblico e la modulistica sono accessibili sul sito web cittadino www.rovinj-rovigno.hr.

Facebook Commenti