Parenzo, chiusa Vinistra

L'Istria si conferma regione al top nella viticoltura

Si chiude una tre giorni intensi, fatta di aggiornamenti tecnici, educativi,know how e work shop. La 26.esima edizione di Vinistra a Parenzo è stata un condensato di tutto quanto faccia enologia o vinificazione e conferma sempre più come l’Istria sia una regione al top nel campo della viticoltura, proponendo due vini autoctoni come malvasia e teran, ma anche tante novità.

Marijan Arman ha messo a segno una doppietta con la sua malvasia novella e con quella invecchiata; l’etichetta del produttore Valenta è stara premiata per il teran novello, mentre il brand Tomaz ha ottenuto i voti più alti per il teran invecchiato.

Facebook Commenti