Non ce la fa il 39.enne ustionato a Gimino

È deceduto il 39.enne rimasto coinvolto in un incendio nella notte fra il 6 e il 7 settembre a Gimino. La notizia è stata fornita dalla Questura istriana, che ha aggiunto che la morte dell’uomo è sopravvenuta in un ospedale di Zagabria, a causa delle ferite riportate quella notte che si sono dimostrate insanabili.
Ricorderemo che la vittima era rimasta gravemente ustionata dopo che un 25.enne aveva dato fuoco  a un garage, in via Primo Maggio. Ora le accuse nei csuoi confronti cambieranno da tentato. Il giovane, come appurato, dopo un diverbio era venuto alle mani con un 39.enne cittadino croato. In seguito, nel tentativo di ucciderlo, aveva dato fuoco al garage, provocando il rogo nel quale il 39.enne aveva riportato delle gravi ustioni, per le quali era stato ricoverato e trattenuto in cura al Centro clinico ospedaliero di Fiume e poi trasferito a Zagabria. Le fiamme avevano avvolto anche due automobili, una Chevrolet con targhe polesi e una Ford non immatricolata, che sono bruciate completamente. Il 25.enne, nella circostanza aveva riportato ferite di natura leggera.

 

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.