Nel cuore di Cittanova un lastricato d’effetto

La soluzione architettonica della pavimentazione di Piazza grande e del Parco del Vescovado porta la firma dello Studio «Katušić – Kocbek arhitekti»

Una proiezione della pavimentazione della piazza

Dopo i lavori nel sottosuolo, uno dei più grandi investimenti infrastrutturali nella recente storia cittadina cittanovese, che vedono il rifacimento e la riqualificazione del sistema fognario, del drenaggio delle acque piovane e della rete d’approvvigionamento idrico del centro storico, inizieranno quelli di riassetto della pavimentazione di Piazza grande e di alcune vie.

 

La Città di Cittanova, in collaborazione con la Società degli architetti dell’Istria, aveva indetto un bando per lo sviluppo di una soluzione concettuale architettonica per la Piazza grande e il Parco del Vescovado e tra le 15 opere, l’apposita Commissione ha scelto quella dello Studio “Katušić – Kocbek arhitekti” come migliore proposta progettuale. Il progetto di massima prevede la realizzazione della pavimentazione in pietra in Piazza grande e in tre vie, ossia via Grande, via delle Porte e via Belvedere. Il percorso progettato segue il tracciato esistente della strada e il tipo di pietra proposto per la pavimentazione è quella di Canfanaro. La piazza sarà visivamente suddivisa in tre parti. Quella orientale sarà pavimentata con lastre di pietra a rilievo accentuato; la pavimentazione della parte centrale sarà invece accentuata da fasce che porranno in risalto la chiesa e il campanile, mentre la parte occidentale, che si apre sul mare, con ai lati il Parco del Vescovado, collegherà le due parti di quest’ultimo con un reticolo in pietra più piccolo, lo stesso che si presenta pure davanti alla chiesa parrocchiale, con l’effetto di un unico progetto visuale.

Rilevamenti archeologici

I lavori agli impianti nel sottosuolo sono un presupposto indispensabile per il proseguimento dell’assetto della pavimentazione e poiché i lavori vengono svolti nel centro storico, tutelato come bene culturale, tutti gli interventi di sterro e di scavo nell’area sono necessariamente preceduti dal controllo archeologico. Già prima dell’inizio dei lavori, in vari punti sono stati effettuati numerosi scavi archeologici preliminari, predisposti dalla Sovrintendenza ai beni culturali di Pola. Sondato il terreno, sono stati rinvenuti i resti del sistema di fortificazione della città, particolarmente interessanti dal punto di vista archeologico perché parlano dello sviluppo urbanistico e dell’espansione della città. La supervisione archeologica sarà effettuata durante il proseguimento di tutti i lavori in quanto, come confermato, c’è la possibilità di nuove scoperte archeologiche. La Città di Cittanova chiede ai cittadini di essere comprensivi e avere pazienza durante lo svolgimento dei lavori in quanto saranno molto invasivi. Per tutte le informazioni relative alla realizzazione delle opere e alla regolazione del traffico dovuta ai lavori, si può contattare l’assessorato competente della Città di Cittanova inviando un’e-mail all’indirizzo di posta elettronica [email protected] o telefonando al numero 757 055.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.