Mompaderno. A 90 anni si è spento Zorko Sergo

Fu uno dei soci fondatori del sodalizio locale e un grande appassionato di bocce

Zorko Sergo

Ha commosso i connazionali di Mompaderno e del Parentino l’improvvisa scomparsa, avvenuta all’età di 90 anni, di Zorko Sergo, socio fondatore della Comunità degli Italiani di Mompaderno, da lui più volte rappresentata in seno all’Unione italiana e al Consiglio della minoranza italiana autoctona della Città di Parenzo.

 

Zorko, o Albino per gli amici, nacque a Monspinoso il primo maggio 1931. Attivo nel mondo delle bocce, fu proprio sulle strade della località natia che iniziò a praticare questo sport. E fu nella stessa località che l’anno scorso gioì per l’inaugurazione della sezione periferica dell’asilo d’infanzia italiano “Paperino” di Parenzo.

La sua attività bocciofila successivamente proseguì al club “Lučki radnik” e quindi all’“Istravino” di Fiume, città in cui visse per alcuni anni. Rientrato a Parenzo, nel 1975 istituì la Lega bocciofila del Comune di Parenzo e contribuì alla fondazione di diverse società, come pure alla promozione del bowling e all’affermazione dei diritti dei pensionati e degli invalidi. Per i meriti in ambito sportivo, la Città di Parenzo, la Comunità sportiva cittadina e quella regionale gli conferirono il Premio per l’opera omnia.

Agli inizi degli anni Novanta del secolo scorso contribuì all’affermazione della Comunità Nazionale Italiana del Parentino, svolgendo attività al sodalizio di Mompaderno, dove lascia un grande vuoto, anche in termini di qualità umane e professionali.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.