Matterada. Mailing List Histria: consegnati i premi

Evento conclusivo della 20.esima edizione

0
Matterada. Mailing List Histria: consegnati i premi
Walter Cnapich, Daniela Manzin, Giulia Cnapich e Tullio Svettini. Foto: ERIKA BARNABA

La Comunità degli Italiani di Matterada ha fatto da cornice alla premiazione della 20.esima edizione del Concorso Mailing List Histria (MLH), indetto in occasione del 22.esimo anniversario della fondazione (14 aprile 2000) con il patrocinio dell’Associazione dei Dalmati italiani nel mondo e dell’Associazione per la cultura fiumana, istriana e dalmata nel Lazio, il tutto per unire esuli e rimasti, discendenti e simpatizzanti, preservando e tutelando l’identità culturale istriana, fiumana, quarnerina e dalmata di carattere italiano, in base allo spirito multietnico dei nostri tempi e svincolata da ogni appartenenza partitica. A introdurre la celebrazione è stata Katia Šterle, presidente della CI di Matterada nonché direttrice della SEI “Edmondo De Amicis” di Buie, descrivendo il lavoro del sodalizio e dicendosi onorata di poter ospitare quest’importante incontro, non mancando di congratularsi con i vincitori e i loro mentori. Un momento riflessivo è stato quando Tullio Svettini, rovignese di nascita, ma che vive a Grado da oltre sessant’anni, ha letto l’ultima parte del volume “Materada” di Fulvio Tomizza.

Commissione e organizzatori
A coadiuvare per la prima volta l’incontro è stata Eufemia Giuliana Budicin di Roma, subentrata a Gianclaudio de Angelini, ideatore del concorso e scomparso recentemente e al quale è stato dedicato un importante momento, come pure al compianto Lino Vivoda, grande sostenitore della MLH, rappresentato per l’occasione dalla figlia Mara, che ha confermato il sostegno al concorso. Un momento di commozione nel quale è stato ricordato pure che due dei premi speciali saranno ora assegnati in loro memoria. Rispettivamente il premio dell’Associazione per la cultura fiumana, istriana e dalmata nel Lazio e il premio speciale “Istria-Europa”. Ricordati pure altri due amici scomparsi recentemente, Bruna Rodriguez Canevari e Giulio Ruzzier.
Come rilevato da Giuliana Eufemia Budicin, oltre ai premi coperti dall’autofinanziamento e quelli messi in palio dalla Regione istriana, altri vengono finanziati da vari organismi, quali l’Unione Italiana, l’Associazione Dalmati nel mondo, l’Associazione per la cultura fiumana, istriana e dalmata nel Lazio, l’Associazione fiumani italiani nel mondo, l’Associazione italiani di Pola e dell’Istria, il Comitato provinciale di Gorizia dell’Associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, il Circolo di cultura istro-veneta Istria, la Famìa Ruvignisa, la Gente di Gallesano, l’Imprinting dell’Istria (dialetto), l’Istria-Europa, la Società Dante Alighieri – Comitato di Gorizia. Assegnato pure il premio speciale “Sulle ali della bora, nel ruggito del Leone” (disegni), come aveva deciso Leonardo Bellaspiga prima della sua scomparsa.
La Commissione di valutazione per le scuole elementari, oltre che dalla presidente Maria Grazia Belci, che per motivi di salute non ha potuto presenziare, era composta da Maria Luisa Botteri, Eufemia Giuliana Budicin, Giulia Cnapich, Ambretta Medelin e Mirella Tribioli. Quella per le superiori, invece, da Rosanna Biasiol Babić, dal compianto Gianclaudio de Angelini, da Adriana Ivanov Danieli, Mauro Mereghetti, Marella Pappalardo e Patrizia Pezzini. Nella Commissione pure Axel Famiglini, fondatore della Mailing List Histria – Cesenatico e Giorgio Varisco per l’Associazione Dalmati italiani nel mondo. Membri invece della segreteria responsabile del 20.esimo MLH, sono Walter Cnapich nel ruolo di responsabile, Serena Antonelli, Maria Letizia De Luca e Nello Belci.

La parola alle autorità
Il vicesindaco di Umago, nonché presidente della CI “Fulvio Tomizza” Floriana Bassanese Radin, ha portato i saluti del del sindaco Vili Bassanese e del sodalizio umaghese, elogiando l’operato con i giovani della CI di Matterada. “Sono sicura se Fulvio Tomizza potesse vedere i suoi piccoli compaesani, sarebbe molto orgoglioso di tutti noi, di tutti loro”, ha rilevato.
La vicepresidente della Regione istriana in quota CNI Jessica Acquavita, ha espresso soddisfazione di poter nuovamente partecipare in presenza, dopo due anni, a quest’importante premiazione. “È un grande piacere rappresentare la Regione e, sempre come Regione, partecipare a questo progetto che coinvolge i nostri ragazzi, che crea quei ponti e collaborazioni tra le nostre istituzioni che sono una delle cose più belle che si possano creare”.
A prendere la parola pure il presidente dell’Unione Italiana, Maurizio Tremul, che focalizzandosi sull’importanza di questo concorso che unisce numerose istituzioni della CNI, ha spronato a continuare a tramandare verbalmente le tradizioni ai giovani, cosa importante per il nostro comune futuro. Complimentandosi con docenti e partecipanti per la grande adesione, ha pure confermato il supposto al concorso dell’UI e suo personale.

Uno spettacolo proposto dal sodalizio
In seguito Walter Cnapich della MLH ha consegnato alla Comunità degli Italiani di Matterada un riconoscimento in ricordo della premiazione e in segno di gratitudine e apprezzamento per aver saputo mantenere sempre vive le comuni radici istriane. La consegna dei premi è stata preceduta da uno spettacolo offerto dai numerosi gruppi d’attività del sodalizio e precisamente dai minicantanti, diretti da Lučana Uljenik, dalla filodrammatica, guidata da Vlado Rota, dalla sezione delle tastiere, con Gemma Federici e da quella delle fisarmoniche, con Leo Laganis che per l’occasione ha rappresentato pure la CI di Salvore.
Quest’anno, per la prima volta, nell’ambito del concorso è stato assegnato anche un tema incentrato sull’esodo, scelto da numerosi ragazzi, poi risultati vincitori di premi. Al concorso sono pervenuti in totale 154 elaborati e hanno partecipato 274 studenti, 56 insegnanti, 31 istituti scolastici e 3 Comunità degli Italiani. I nomi dei premiati sono già stati pubblicati dal nostro quotidiano nell’edizione del 1.mo ottobre scorso. Tra il numeroso pubblico in sala, pure Corrado Dussich, vicesindaco di Buie in quota CNI, Rosanna Turcinovich Giuricin, scrittrice con alle spalle una lunga carriera giornalistica e la scrittrice e poetessa Loredana Bogliun, chiamati pure a consegnare i premi in varie categorie.
Il concorso MLH, che vede i rapporti tra esuli e rimasti sempre più vicini, caldi e costruttivi, uniti da un filo sempre più solido, sul quale sono appesi ricordi, lacrime, dolore e nostalgia, ma anche un grande cuore che batte all’unisono per un sentimento comune: l’amore per queste terre.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display