La «Casa nella natura» entro la fine dell’anno

Il Centro scientifico-educativo disporrà di una superficie di 552 metri quadrati

Il futuro Centro scientifico-informativo di Leme

Proseguono le attività orseresi nell’ambito del progetto “KLIM – Contia – Canale di Leme – Gestione sostenibile delle aree tutelate”. Nel bosco di Contia, nei pressi d’una stanzia abbandonata, si sta infatti lavorando senza sosta alla realizzazione del Centro scientifico-educativo, che avrà una superficie di 552 metri quadrati e sarà adibito alle attività pedagogiche in materia di scienze naturali e tecnica, riservate a tutta la cittadinanza e in modo particolare ad alunni e studenti. Il Centro avrà pure una funzione informativa per i turisti e i visitatori e disporrà d’un punto per l’organizzazione di attività turistiche e sportive innovative, incentrate sull’idea di un ritorno alla natura. Il Centro sarà pure al servizio dell’Ente pubblico Natura Histrica, addetto alla gestione delle aree protette. Disporrà di spazi di soggiorno per i partecipanti ai corsi e i docenti, vani per il personale, le riunioni e il lavoro, una sala polivalente, un punto di ricezione e un laboratorio. Nelle sue immediate vicinanze i visitatori avranno inoltre a disposizione una roccia per le arrampicate. Pensato come “Casa nella natura”, sarà inoltre dotato di pannelli solari e di un serbatoio per l’accumulo dell’acqua piovana. Il progetto è stato realizzato in collaborazione con lo Studio Metrocubo di Pola e tende a inserire al meglio la struttura nel paesaggio circostante, soddisfando le esigenze infrastrutturali dell’area protetta.

Il chiostro di San Michele al Leme

Il progetto mira alla valorizzazione sistematica del fiordo e del Canale di Leme, compresi i contenuti naturali, culturali e storici, ossia l’offerta marina e geologica, la Grotta di San Romualdo, il chiostro di San Michele al Leme e il bosco di Contia. Nell’ambito del progetto saranno allestiti pure dei sentieri pedonali e ciclistici, punti panoramici e d’osservazione.

Il progetto, avviato nel 2017 con capofila il Comune di Orsera, coinvolge pure la Regione Istriana e l’Ente pubblico Natura histrica. Candidato al concorso “Promozione dello sviluppo sostenibile del patrimonio naturale” bandito dal Ministero per lo Sviluppo regionale e i Fondi europei, verso la fine del 2018 ha ottenuto un sostegno di 9.114.225 kune, di cui 7.022.317 assegnate al Comune, in quanto capofila, 1.147.767 a Natura Histrica e 944.141 alla Regione istriana.

Il convento di San Michele al Leme

Il progetto è stato candidato pure al Fondo per il cofinanziamento dei progetti europei a livello regionale e locale, che ha approvato un sostegno di 2.343.658 kune, per cui a conti fatti per la sua realizzazione si dispone di un totale di 11.457.884 kune. L’appalto è andato all’Adriaing di Capodistria e alla sua succursale di Buie. Il progetto giungerà a termine alla fine dell’anno.

Facebook Commenti