La boa luminosa finisce sugli scogli di Borosia

Salvore. Domenica pomeriggio le forti raffiche di tramontana hanno rotto la catena che la teneva ancorata nel porto

Con la tramontana c’è poco da scherzare: può essere più pericolosa della bora

Domenica pomeriggio la tramontana che si è abbattuta lungo la costa occidentale istriana ha rotto la catena che teneva ancorata la boa verde all’entrata del porto di Salvore. Il vento, arrivato all’improvviso con raffiche fortissime, ha spinto la boa sugli scogli della sponda dirimpettaia di Borosia.

 

Ieri mattina, Doriano Labinjan, direttore dell’Autorità portuale di Umago e Cittanova, a tale proposito ci ha detto: “In giornata provvederemo a recuperare la boa, per vedere in primo luogo se il sistema di segnalazione luminoso a intermittenza ha subito danni. Generalmente si tratta di un tipo di boa che ha una frequenza d’emissione di luce a intermittenza alimentata da una batteria solare. Nel caso di incidenti o guasti, il sistema viene inviato a Pola per essere riprogrammato. Ne abbiamo già informato la Capitaneria di Porto di Pola, che ha diramato un avvertimento per i naviganti. Le boe di segnalazione sono importanti e per questa ragione la manutenzione e il controllo sono costanti. Per esempio, quando abbiamo migliorato la segnalazione con le boe sulle secche di Zambrattia, non ci sono stati più incidenti con barche finite arenate sugli scogli. Fino a qualche anno fa, soprattutto d’estate, questi incidenti erano piuttosto frequenti, con danni notevoli”. Generalmente la manutenzione delle boe luminose che segnalano le secche e l’entrata dei porti, vengono controllate dalla nave-officina M/B “Plovput Split”, specializzata nella manutenzione e riparazione dei fari e dei segnali luminosi, fondamentali per una sicura navigazione.

La boa finita sugli scogli a causa della tramontana

Di lavoro c’è n’è sempre tanto: oltre ai numerosi fari, lungo la costa istriana ci sono da revisionare decine e decine di boe luminose e segnali che si trovano sulle dighe foranee o sui moli dei porti e dei marina. Ciononostante gli incidenti si verificano, vuoi per disattenzione oppure per il maltempo, nonostante gli strumenti di navigazione, radar e sistemi GPS segnalino al navigatore la giusta posizione del natante. Ma le boe, di giorno e di notte, sono comunque di importanza vitale per chi va per mare.

Facebook Commenti