Inaugurato a Umago il Centro di cultura islamico

Franco Sodomaco
La cerimonia d’apertura del Centro islamico di cultura di Umago

UMAGO | Quella di sabato è stata una giornata storica per Umago, città aperta, multiculturale e mistiligue, visto che in zona Monte, è stato inaugurato solennemente il Centro islamico di cultura. Evento che ha avuto una grande partecipazione di ospiti e di pubblico. Si tratta del primo centro di questo tipo in Istria. Una città che dal secondo dopoguerra è profondamente cambiata, come pure la sua popolazione, oggi costituita non soltanto da croati e italiani, ma anche da appartenenti a una decina di altri gruppi nazionali.

Presenti il ministro della Giustizia Dražen Bošnjaković, il muftì dr. Aziz ef. Hasanović, rappresentanti del Kuwait, la vicepresidente della Regione istriana, Giuseppina Rajko, il deputato al Sabor Zlatko Hasanbegović, il presidente dell’SDP Davor Bernardić come pure l’imam Elvedin ef. Posavljak, il presidente del Comitato esecutivo della Comunità islamica di Umago, Omer Horozović, il parroco di Umago Josip Grbac, il sindaco Vili Bassanese con i vicesindaci e il presidente del Consiglio Jurica Šiljeg.
La cerimonia è stata aperta da Elvedin ef. Posavljak il quale ha detto che le buone idee portano sempre a buoni risultati: “Le attività del Centro islamico di cultura hanno l’obiettivo di avvicinare gli uomini. Grazie a tutti coloro che hanno aiutato la sua realizzazione. In modo particolare voglio ringraziare il sindaco di Umago Vili Bassanese il quale ha saputo superare i pregiudizi e avvicinare i politici e la politica alla gente“.
A salutare i presenti sono stati inoltre la vicepresidente della Regione istriana, Giuseppina Rajko, il sindaco Vili Bassanese, il ministro della Giustizia e alla fine il muftì dr. Aziz ef. Hasanović che ha ringraziato la municipalità e conferito riconoscimenti di circostanza. Due cori, uno misto della Comunità bosniaca del Buiese “Gajret” e il coro del Ginnasio islamico dr. Ahmed Smajlović, hanno poi dato vita a un programma culturale molto ricco che ha preceduto l’inaugurazione e il gesto simbolico del taglio del nastro, da parte del gran muftì Aziz Hasanović e di Nasser Hamzaj, un fedele di Umago. Quindi è seguita la visita al complesso culturale islamico. Il sindaco Vili Bassanese ha sottolineato nel suo discorso: “L’uomo si evolve quotidianamente attraverso la sua umanità in modo da sviluppare sé stesso e la Comunità; in primo piano vanno sempre collocati l’uomo e le buone azioni. Oggi celebriamo questi valori, basati sulla diversità, sul rispetto e sulla ricchezza d’intenti della nostra Comunità e sicuramente questo può essere un esempio per un mondo migliore”.
La prima pietra del Centro islamico di cultura è stata posta proprio da Bassanese il 15 marzo del 2014, mentre l’edificio, che si sposa bene con l’ambiente, è stato costruito con i contributi della Comunità islamica della Croazia e con le donazioni dei fedeli. Il Centro ha una sala per le funzioni religiose e una sala per le attività culturali, aule per i bambini e una ricca biblioteca come pure l’alloggio dell’Imam. Ha una superficie di 500 metri quadri ed è costato oltre un milione di euro.

Facebook Commenti