Il programma elettorale di Maurizio Tremul: «Dignità, determinazione, unitarietà e inclusione»

0
Il programma elettorale di Maurizio Tremul: «Dignità, determinazione,  unitarietà e inclusione»

Care e cari connazionali,
ho accettato la proposta di numerosi connazionali, di ricandidarmi alla funzione di presidente dell’Unione Italiana. Il periodo storico in cui ci troviamo presenta molte insidie, a partire da quella relativa all’unitarietà della CNI di Slovenia e Croazia. Facendo leva sulla mia esperienza, dedizione e apertura al dialogo, intendo salvaguardare e promuovere tutti quei valori fondanti, caratteristici della nuova UI nata all’inizio degli anni ‘90: democratica, pluralistica, solidale e unitaria.
Accantoniamo inutili divisioni e rilanciamo innanzitutto l’orgoglio di essere italiani, in una Comunità compatta, coesa e in grado di dialogare: diciamo NO ai propositi disgregativi e di frantumazione della nostra unitarietà.
Facciamo politica ai massimi livelli, rafforziamo il ruolo politico dell’UI, la nostra massima organizzazione rappresentativa unitaria. Rendiamo l’UI più vicina ai connazionali: digitalizziamo l’amministrazione, facciamo rete con Scuole, Comunità degli Italiani, Università, Istituzioni CNI e partner del territorio. Nel mio mandato mi impegno a rafforzare le Comunità degli Italiani aprendo posti di lavori per ciascuna Comunità. Reintroduciamo le gite culturali in Italia. Includiamo quanti più giovani nell’UI e nelle CI; abbiamo cura dei nostri anziani; istituiamo un fondo di solidarietà per le persone della terza età.
In un momento di grande difficoltà e incertezza finanziaria, dobbiamo destinare importanti risorse ed energie per l’economia. Urge fondare la Cassa di Risparmio dell’Istria, così come previsto dal Memorandum di Londra del 1954. Favoriamo lo sviluppo della base economica della CNI, sosteniamo gli imprenditori connazionali, con mezzi per lo sviluppo a fondo perduto.
Rafforziamo la struttura finanziaria e professionale del neocostituito Incubatore Creativo d’impresa giovanile “Istria” di Santa Lucia dell’Unione Italiana. Costituiamone due analoghi a Valle e nel Quarnero.
Investiamo risorse per la crescita del Museo digitale Italiano “Istria” dell’UI di Palazzo Gravisi-Buttorai a Capodistria, in grado di creare numerosi posti di lavoro.
Aumentiamo i finanziamenti da parte dell’Italia e dei nostri stati domiciliari, Croazia e in primis Slovenia. Semplifichiamo, snelliamo le procedure e soprattutto velocizziamo i finanziamenti dall’Italia per le nostre Scuole, Istituzioni e Comunità degli Italiani.
Sviluppiamo ulteriormente la tutela dell’Istroveneto e dell’Istrioto, costruendo due Centri di promozione dei due dialetti, uno a Buie e uno nell’Istria meridionale. Facciamo più Cultura.
Rivendichiamo con orgoglio la nostra italianità: facciamo rispettare la nostra storia e le tragedie legate all’esodo, recuperiamo i toponimi originari, promuoviamo il dialogo interculturale e la collaborazione con gli esuli in Italia e le altre Comunità nazionali.
Care e cari connazionali, domenica 26 giugno recatevi alle urne. Votate per il presidente che vi rappresenterà con dignità, determinazione, esperienza e inclusione.
Noi CI siamo e vogliamo essere protagonisti del nostro futuro!
Cerchiate il Numero 1, Votate Maurizio Tremul, votate l’UNITARIETÀ.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display