Istria. Emergenza siccità: oggi le misure

L’argomento è stato trattato ieri dall’Assemblea regionale. Boris Miletić annuncia l’incontro di coordinamento con i direttori degli Acquedotti istriani e con i rappresentanti dell’Ente idrico statale «Hrvatske vode», in seguito alla quale si deciderà in merito

0
Istria. Emergenza siccità: oggi le misure
La seduta dell’Assemblea regionale. Foto: www.istra-istria.hr

La situazione dell’approvvigionamento idrico nel territorio della Regione istriana è stata il tema della maggior parte delle domande avanzate ieri dai consiglieri dell’Assemblea regionale durante la riunione dell’organismo tenutasi in modalità ibrida, online e in presenza, nella Casa delle rimembranze di Pisino. Nel soffermarsi sulla questione e sulla possibile introduzione delle restrizioni annunciate nei giorni scorsi, il presidente della Regione, Boris Miletić, ha confermato che oggi avrà un’altra riunione di coordinamento con i direttori degli Acquedotti istriani e con i rappresentanti dell’Ente idrico statale “Hrvatske vode”, in seguito alla quale la cittadinanza sarà informata sulle misure che saranno intraprese.

Boris Miletić.
Foto: www.istra-istria.hr

Acqua ed euro
Miletić si è soffermato pure sulle cause dei lunghi periodi di siccità, che sono dovuti, ha detto, ai cambiamenti climatici e a un comportamento irresponsabile dell’uomo nei confronti delle risorse naturali, ribadendo che bisogna essere più razionali per quanto riguarda l’uso dell’acqua. Rispondendo alle domande legate alle tariffe per i servizi idrici, Miletić ha detto che a definirle sono le autonomie locali che sono proprietarie delle ditte responsabili della gestione dell’infrastruttura idrica e della prestazione dei servizi in parola. Per quanto riguarda le perdite d’acqua, gli Acquedotti istriani sarebbero in cima alla lista dei migliori a livello europeo, con perdite che sono significativamente inferiori rispetto a quelle di altre ditte europee.
Parlando dei preparativi della Regione per l’introduzione dell’euro, l’assessore regionale alle Finanze, Barbara Škreblin Borovčak, ha detto che con i preparativi si è iniziato in tempo e che ora è necessario adattare pure tutti i documenti.
SMSI di Buie: controllo tecnico
L’assessore all’Educazione, allo Sport e alla Cultura tecnica, Patricia Percan, si è soffermata sul progetto di ricostruzione, ampliamento e attrezzatura della Scuola media superiore italiana “Leonardo da Vinci” di Buie. I lavori edili sono stati portati a termine e la settimana scorsa si è avuto il controllo tecnico, durante il quale sono stati evidenziati alcuni difetti, alla cui rimozione si sta lavorando. All’inizio di luglio è iniziata pure l’attrezzatura degli spazi. Secondo la Percan, il tutto dovrebbe essere portato a termine prima dell’inizio dell’anno scolastico 2022/2023, previsto per il 5 settembre 2022.

Educazione civica
L’introduzione dell’educazione civica nelle rimanenti 20 scuole elementari istriane fondate dalla Regione è stato un altro tema del campo di educazione e istruzione su cui si è soffermata la Percan. Come ha ricordato l’assessore, 5 scuole elementari hanno introdotto il programma nel 2018, mentre le altre 20 dovrebbero farlo a partire dall’anno scolastico 2022/2023. I manuali bilingui sono già pronti e attualmente è in corso il primo ciclo d’educazione per circa 60 docenti. Il secondo è previsto dal 22 al 26 agosto. All’inizio del prossimo anno scolastico gli alunni e i loro genitori saranno invitati a partecipare a un sondaggio con cui sarà stabilito l’interesse finale per il programma in parola.

Progetto europeo «Klik»
Quanto al progetto europeo legato all’ampliamento del Centro per lo sviluppo permanente e competente delle conoscenze e delle abilità innovative nel settore della ristorazione e del turismo di Pola, “Klik”, i lavori pianificati dovrebbero essere avviati in autunno, a seconda dell’andamento degli appalti pubblici. In questo momento si stanno valutando e controllando le offerte pervenute nell’ambito della gara per la selezione dell’esecutore dei lavori. Il termine per completare il progetto è il 31 dicembre 2023. Tuttavia, visto che anche questo, come le altre iniziative legate a questo tipo di Centri regionali, deve affrontare il problema dell’aumento dei prezzi nel settore edile, non è escluso un prolungamento del termine.

Stagione turistica
Secondo il presidente della Regione, l’andamento della stagione turistica 2022 è molto buono, soprattutto se paragonata a quella del 2019. Nei primi 12 giorni di luglio gli arrivi e i pernottamenti sono allo stesso livello del 2019, mentre giugno è stato un mese straordinario, con 300mila pernottamenti in più rispetto allo stesso periodo di tre anni fa.

Incendi
All’ordine del giorno si è trovata pure una discussione riguardo agli incendi nella penisola istriana. Parlandone, Dino Kozlevac, responsabile del Comando della Protezione civile e comandante dei Vigili del fuoco regionali, ha detto che le fiamme si propagano in spazi aperti e sono il risultato dei lunghi periodi di siccità. Dall’inizio dell’anno a questa parte i Vigili del fuoco hanno avuto 2.173 interventi, tra cui 838 dovuti a incendi. Kozlevac ha colto l’occasione per ringraziare la Regione, le Città e i Comuni per i sostegni ai Vigili del fuoco, mentre la presidente dell’Assemblea, Sandra Ćakić Kuhar, ha ringraziato, a nome di tutti i consiglieri, i Vigili del fuoco professionisti e volontari, come pure i cittadini che hanno contribuito allo spegnimento del grande incendio avvenuto lo scorso fine settimana a Pola.

Tutti i diritti riservati. La riproduzione, anche parziale, è possibile soltanto dietro autorizzazione dell’editore.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display