Due ambulanze all’avanguardia per la medicina d’urgenza

Il presidente della Regione Boris Miletić ha consegnato le chiavi degli automezzi del valore di 2,25 milioni di kune destinati a innalzare la qualità del servizio salvavita

Da ieri il servizio d’emergenza sanitaria territoriale, specificatamente l’Istituto formativo di medicina d’urgenza è diventato più efficiente grazie al potenziamento del parco macchine: sono arrivate infatti due nuove ambulanze dotate di strumentazione medica di qualità pronte a garantire un intervento più tempestivo e salvavita, soprattutto ora, in estate, quando le pesanti condizioni meteo e la maggiorata presenza turistica, stanno facendo registrare una crescita esponenziale delle richieste di intervento. Soltanto ieri mattina ci sono state due assistenze per infarto nel caso di altrettanti pazienti trasportati da Pola al Centro clinico ospedaliero di Fiume, mentre la centrale operativa polese – che dispone di due team in servizio permanente – ha dovuto ricorrere al supporto di una terza squadra ben equipaggiata. A segnalare le conseguenze dell’emergenza caldo è la medesima direttrice dell’Istituto formativo di medicina d’urgenza, Gordana Antić: “Nell’arco dell’ultima settimana la necessità per gli invii tempestivi sul territorio è aumentata del 45 per cento. Siamo costretti ad affrontare situazioni di vera emergenza: soprattutto rianimazioni indispensabili dopo annegamento, colassi circolatori e cardiaci, ferite e infortuni di motoristi”.

Visita all’interno degli automezzi sanitari

L’Istria e la sua rete territoriale d’urgenza sanitaria è tutt’altro che un servizio taxi d’accompagnamento all’Ospedale e ora potrà meglio ricorrere ai ripari con quest’acquisto di veicoli specializzati del valore di 2 milioni e 250mila kune derivanti dai mezzi decentralizzati della Regione istriana. Ribadendo che la salute dei cittadini vada collocata al primo posto, il presidente della Regione, Boris Miletić ha dato ieri le chiavi in mano alle squadre del Pronto Soccorso regionale soddisfatto del fatto che con i nuovi veicoli l’amministrazione regionale sia in grado incidere sul miglioramento delle prestazioni, ma anche sulle condizioni di lavoro dell’equipaggio e dei team medici. Le intenzioni sono quelle di assicurare un valore aggiunto anche nel futuro andando oltre agli standard minimi dettati dall’Istituto d’assicurazione sanitaria, nella Regione turistica più sviluppata della Croazia. La medicina d’urgenza dispone ora complessivamente di 33 ambulanze, di cui 8 ancora nuove o quasi, quattro altamente attrezzate per interventi specifici d’assistenza medica, mentre gli altri automezzi sanitari compongono un parco macchine dotato di attrezzatura minima e per giunta consumato da chilometri e chilometri di strada. Come da dimostrazione pratica, i due nuovi automezzi sono dei veri ambulatori su quattro ruote, unità mobili di terapia intensiva, per il trasporto, il trattamento avanzato e il monitoraggio di pazienti gravi. Una vera efficace risposta extra-ospedaliera al fine di assicurare idonee cure ai pazienti soccorsi.

Attrezzature esterne altamente specializzate

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.