Da Gimino ecco la mozzarella made in istria

Un barattolo della mozzarella realizzata a Gimino

Nei supermercati acquistiamo un prodotto industriale, lontano anni luce per sapore, da quello originale: la mozzarella, formaggio a pasta filata, secondo alcuni avrebbe avuto origine nel V-IV secolo a. C. nella “Magna Grecia”. Sarebbero stati i primi a utilizzare il latte delle bufale per produrre questo tipo di formaggio. Prodotto tipicamente italiano (Campania e Puglia in primis) nel 1570 Bartolomeo Scappi, cuoco della corte papale, la pone nell’elenco dei formaggi comunemente serviti alla mensa papale e per la prima volta usa il termine attuale, “mozzarella”. Termine oggi abusato da molti. Il nome deriva dal fatto che la pasta filata ottenuta dalla cagliata viene “mozzata”, cioè tagliata e fatta a pezzi dalle mani dei casari per essere modellata nelle sue forme caratteristiche, globulari, a treccia o bocconcini.
Ebbene da poco c’è anche “Un po’ di mozzarella” che viene dall’Istria, dalla latteria Laltus a Gornji Orbanići, vicino Gimino. La Latus ha iniziato la produzione di mozzarella (“Un po’ di”) assieme alla ditta di distribuzione Nikas di Mattuglie. Tuttavia è interessante sapere che l’idea di una mozzarella istriana è venuta originariamente a Sandi Chiavalon, noto e affermato produttore di olio evo, che è riuscito a convincere Sandi Orbanić ad avviare la produzione del formaggio. L’attrezzatura per la produzione è stata acquistata in Italia e per non lasciare nulla al caso un casaro napoletano per un periodo è stato ospite a Orbanići, per spiegare i segreti di una buona mozzarella.
Quella della Latus è un fior di latte, uno degli ingredienti base dell’originale pizza napoletana: ha forte sapore di latte ed è lievemente salata, una delizia. Nella produzione l’azienda casearia giminese si avvale della collaborazione di una quindicina di cooperanti dai quali acquista la materia prima. L’idea è di produrne una tonnellata e mezza al mese e di piazzarla a ristoranti e alberghi, nei negozi della Latus e in rivendite di delizie gastronomiche.

Facebook Commenti