Cittanova. Incantevole villaggio di pescatori

Via al progetto «FishInNo», con cui si vuole valorizzare in modo innovativo la tradizione ittica locale

Cittanova, da sempre luogo di pescatori

Grazie ai bandi di concorso proposti dall’Unione europea, sono 466mila le kune stanziate dalla Direzione del Ministero dell’Agricoltura, della Pesca e dello Sviluppo rurale all’Ente per il turismo della Città di Cittanova per l’attuazione del progetto “FishInNo” – Tradizione della pesca a Cittanova. Un progetto, nato in collaborazione con la Città, che in modo innovativo e comprensibile avvicina la tradizione della pesca locale alla popolazione e ai visitatori, con un’enfasi sulle giovani generazioni che la erediteranno. Il progetto è stato selezionato sulla base di una gara indetta nel 2019 dall’Agenzia per la pesca dell’Istria nordoccidentale, FLAG “Pinna Nobilis”, Sottomisura 2.3.1. “Sostegno ad attività volte a promuovere, commercializzare e preservare la tradizione e il patrimonio ittico/marittimo della zona di pesca del FLAG”.

Vesna Ferenac

Preservare dall’oblio
L’obiettivo del progetto sarà realizzato conducendo ricerche, registrando la storia della pesca locale e storie di pesca ancora inedite, non ancora conosciute dal pubblico, che costituiranno il contenuto per la produzione di materiale cartaceo e digitale. La pubblicazione dell’opuscolo presenterà le storie di pesca, i costumi e la gastronomia di Cittanova, preservandola dall’oblio. La parte più interessante del progetto sono i chioschi informativi digitali (totem) che saranno collocati nelle aree pubbliche della località nel 2022. In tal modo le storie e tradizioni raccolte inerenti la pesca come pure il patrimonio ittico e la gastronomia saranno presentate in modo moderno e accessibile ai passanti, residenti e turisti. “Si tratta di valorizzare in modo innovativo la tradizione ittica locale, con l’applicazione della ricerca e delle tecnologie digitali, che creeranno un nuovo prodotto turistico che andrà ad arricchire l’offerta della destinazione. La pesca e il patrimonio ittico sono estremamente importanti per lo sviluppo e la vita di Cittanova, lo erano prima e lo sono tutt’oggi, e con l’attuazione di questo progetto lo stesso patrimonio sarà ben presentato e preservato dall’oblio per le generazioni future”, ha rilevato la direttrice della Pro loco locale, Vesna Ferenac, spiegando che seguiranno altre partecipazioni ai bandi di concorso dell’Ue con l’obiettivo di arricchire l’offerta di Cittanova come incantevole villaggio di pescatori.

Pescatori cittanovesi

Scegli la salute
Quindi, mentre le attività turistiche quali eventi artistico-culturali sono ferme, l’Ente turistico non è rimasto con le mani in mano, ma ha utilizzato questo periodo per preparare un nuovo progetto per un’altra gara d’appalto FLAG. “In collaborazione con la Biblioteca cittadina, abbiamo lavorato alla progettazione delle attività e alla raccolta delle offerte per la documentazione. L’obiettivo di questo progetto, che abbiamo chiamato “CHE FINO” (Choose Health and Eat Fish in NOvigrad/Odaberi zdravlje i jedi ribu u Novigradu, ovvero “Scegli la salute e mangia pesce a Cittanova”), è quello di sensibilizzare i residenti e i visitatori sulla necessità di un maggior consumo di pesce e altri organismi marini attraverso strumenti educativi e promozionali, sottolineando l’importanza e il valore di tale dieta e della tradizione gastronomica di Cittanova. Raggiungeremo questo obiettivo realizzando video ricette con gli chef locali, un ricettario con piatti di pesce e altri organismi marini, accompagnato da un’educazione per bambini e adulti”, ha concluso la Ferenac.

Uno scorcio della città

Facebook Commenti