Cittanova. «Al torcio», olio Evo di caratura mondiale

L’oleificio è stato dotato di nuovi macchinari grazie anche al Programma di sviluppo rurale

I nuovi macchinari innovativi

Cittanova vanta il più moderno frantoio a livello nazionale. “Al torcio”, questo il suo nome, è situato in Strada Contessa ed è di proprietà della famiglia Beletić. Questa ha aperto le porte al pubblico per festeggiare, come rilevato, un momento molto significativo, un momento che rappresenta il culmine di quasi un quarto di secolo di lavoro, avviato a metà degli anni ‘90 da Tranquilino, che purtroppo è venuto a mancare 3 anni fa e non è riuscito a toccare con mano la realizzazione di un sogno coltivato fin dall’inaugurazione del frantoio: un impianto di ultima generazione.
Il rispetto per i doni della natura
Tranquilino aveva una visione ben chiara, dalla quale non si è mai discostato. In una delle sue numerose interviste aveva dichiarato: “Vogliamo un frantoio elegante nel quale produrre un olio di qualità superiore, attraverso il quale le persone potranno assaporare anche il rispetto per questo dono della natura”. Uno dei suoi obiettivi è stato raggiunto nel 2000, con la costruzione e la messa in funzione del frantoio “Al torcio”. Premi e medaglie iniziarono ad arrivare presto dalle varie rassegne dell’olio d’oliva e il momento clou fu l’inclusione del prodotto nel catalogo mondiale dei migliori oli d’oliva, “L’extravergine 2005”, oggi noto come “Flos Olei”. Successivamente giunsero regolarmente premi e riconoscimenti dalle più importanti mostre dell’olio d’oliva a livello mondiale: Amburgo, Madrid, Barcellona, ​​Londra, Parigi, Arezzo, Roma, New York e altre.
L’oro verde al Parlamento europeo
Nel 2017 la famiglia Beletić ha risposto all’invito dell’europarlamentare Ivan Jakovčić e assieme ad altri 15 olivicoltori istriani si è presentata nella sede del Parlamento europeo a Bruxelles agli altri Stati membri dell’UE, parlando di produzione, coltivazione e approccio alla trasformazione delle olive in olio. Incontro che ha dato un contributo importante alla promozione e alla commercializzazione degli oli d’oliva istriani nell’UE e oltre.
Oggi, Karmino Beletić ha rilevato che il più grande successo avuto quest’anno è stato quando “Al torcio” ha partecipato alla NYIOOC (New York International Olive Oil Competition), la più grande e prestigiosa competizione mondiale dell’olio extravergine di oliva, alla quale “Al torcio” ha conquistato ben due ori con le varietà “Frantoio” e “Itrana” e una medaglia d’argento per la “Rosulja”, traguardo che ha posizionato il frantoio tra i migliori e principali produttori mondiali dell’olio extravergine d’oliva.

Visita guidata al frantoio

Otto oli monovarietali
Questo “oro liquido” viene ricavato da quattro oliveti che si estendono su una superficie di 4,78 ettari, per un totale di circa 1.900 olivi. Numerose le varietà che vengono prodotte: Leccino, Pendolino, Frantoio, Itrana, Rosignola, Bianco istriano, Moraiolo, Ascolana e altre. Ognuna di queste fornisce oli con caratteristiche e aromi specifici, che ne influenzano l’uso. Da sottolineare che l’oleificio “Al torcio” è l’unico in Croazia che produce olio d’oliva da otto monocolture con lavorazione separata, che implica pure una raccolta, spremitura, stoccaggio e commercializzazione distinta.
Un impianto all’avanguardia
Quest’anno i macchinari per la lavorazione dell’olio sono stati sostituiti con dei nuovi, dotati delle tecnologie di ultima generazione presenti sul mercato, come il DMF (Decanter Multi Fase – PIERALISI). Ciò consente la produzione di un olio di qualità superiore, poiché non richiede l’utilizzo dell’acqua nel processo di lavorazione, con rese più qualitative e un minor dispendio di energia. Il progetto è stato realizzato con fondi propri, un prestito bancario e un cofinanziamento nell’ambito del Programma di sviluppo rurale della Città di Cittanova (misura 4.2.1), destinato a coloro che sono impegnati nella lavorazione di prodotti agricoli e che desiderano investire nella costruzione e/o equipaggiamento di un impianto di produzione e lavorazione.

Facebook Commenti