Vantaggi per la diagnostica odontoiatrica

Al CCO di Fiume presentato un CBCT di ultima generazione, di cui la struttura era priva. Per la diagnosi, i pazienti non dovranno più recarsi altrove

L’apparecchiatura per la tomografia computerizzata dentale Cone Beam (CBCT)

Il Centro clinico ospedaliero di Fiume può contare su un nuovo importante acquisto: un’apparecchiatura CBCT d’ultima generazione, che è andata ad arricchire il settore della diagnostica. Il prezioso macchinario è stato presentato dal direttore del CCO, dott. Alen Ružić, dal segretario generale del Ministero della Sanità e presidente del Consiglio d’amministrazione del CCO, Željko Plazonić, affiancati dai responsabili delle Cliniche di radiologia, medicina dentale e maxillo-facciale, rispettivamente Damir Miletić, Vlatka Debeljak e Margita Belušić Gobić, e dalla preside della Facoltà di Medicina dentale, Sonja Pezelj Ribarić.

 

“Si tratta di un’apparecchiatura per la tomografia computerizzata dentale Cone Beam (CBCT), o meglio CB3D, com’è stata definita di recente, che ha rivoluzionato la diagnostica radiologica odontoiatrica e maxillo-facciale rendendo disponibili ricostruzioni 3D delle strutture anatomiche esaminate. Ha un valore di 1,25 milioni di kune e verrà usata nei vari campi diagnostici. Grazie a questo dispositivo, finora assente nel CCO, i pazienti non dovranno più recarsi per una vista a Zagabria o farsi assistere da una clinica privata”, ha detto Plazonić.

Il direttore Ružić ha sottolineato che la Cone Beam 3D è una tecnica radiologica di scansione tomografica utilizzata per acquisire dati e immagini di uno specifico volume del massiccio facciale o del cranio. Grazie a specifici e potenti software d’elaborazione, questa tecnica offre immagini diagnostiche sui tre piani dello spazio e immagini volumetriche, esponendo il paziente a dosi radianti bassissime. “L’apparecchio ha trovato posto in seno alla Clinica di medicina dentale, ma sarà a disposizione per le necessità diagnostiche anche della Clinica di radiologia e di quella maxillo-facciale.

Il direttore del CCO di Fiume, dott. Alen Ružić

Un apparecchio multiuso
“Il CBCT rappresenta l’ultima generazione delle macchine radiologiche in campo odontoiatrico e riunisce, oltre ai suoi specifici vantaggi, quelli di altre metodologie ormai consolidate come l’ortopantomografia o foto panoramica e le radiografie del cranio latero-laterale e postero-anteriore, a uso cefalometrico, rappresentazioni che sono direttamente realizzabili con i software applicativi. Si è dimostrata insostituibile nella programmazione d’interventi dentali inclusi, sia nell’adulto che in età pediatrica. In implantologia, permette di valutare qualità e quantità di osso disponibile e prevedere il corso dell’operazione. In ortodonzia, consente una migliore programmazione clinica e in campo oncologico consente di definire l’estensione di processi espansivi e compromissioni anatomiche vitali. Dunque, un’apparecchiatura usabile in più branche della medicina e di cui l’ospedale fiumano necessitava per campi d’applicazione e metodi diagnostici non invasivi”.

Facebook Commenti