Un vero leader deve sapere prevedere il futuro

0
Un vero leader deve sapere prevedere il futuro
Edi Prodan, Ivan Mišetić, Vesna Trnokop, Ivan Herak, Ivić Pašalić e Kristjan Staničić. Foto:GORAN ŽIKOVIĆ

Si è svolta ieri ad Abbazia la Conferenza internazionale PILC che ha come scopo offrire agli esperti del sistema accademico ed economico la possibilità di discutere sui temi attuali, di scambiare opinioni ed esperienze riguardanti il loro campo basandosi anche sui problemi causati all’economia dalla guerra in Ucraina. Tanti i relatori che si sono susseguiti sul palco nel corso di dibattiti aventi vari temi. Il panel centrale della giornata, intitolato Leadership strategica e moderato dal giornalista del Novi List, Edi Prodan, ha visto la presenza di ospiti quali Ivan Mišetić, segretario generale del Gruppo Atlantic, Vesna Trnokop direttrice della Sigma business consulting, Ivan Herak dell’ACI, Ivić Pašalić, imprenditore nonché ex deputato al Sabor e Kristjan Staničić, direttore dell’Ente per il turismo della Croazia.

La guerra in Ucraina sta provocando non pochi disagi e solo adesso ci rendiamo conto, come detto da Prodan, che senza la Russia iniziamo a sentire la carenza di tantissimi prodotti e materie prime. “Dopo due anni segnati dalla pandemia, per la quale forse potevamo sperare che terminerà presto con l’arrivo dei vaccini, oggi abbiamo uno scenario davanti al quale siamo impotenti”, ha dichiarato. Ivan Mišetić ha voluto sottolineare che un vero leader deve sapere prevedere scenari di tutti i tipi, pensare a fatti che potrebbero accadere e trovare una soluzione. “Ora abbiamo il problema dell’energia. La storia ci insegna che dobbiamo progredire ogni giorno di più. Le nazioni europee si stanno dando da fare per trovare nuove fonti d’energia, considerata la situazione in questo momento di crisi. In Germania hanno addirittura proposto ai cittadini di ridurre il consumo energetico. Sono scenari che non possono venire previsti, però dobbiamo essere in grado di trovare delle soluzioni”, ha detto Mišetić.

Vesna Trnokop ha parlato della sua collaborazione con l’Ucraina. “Nel corso del 2021 mi sono concentrata molto su questo mercato e penso che non sia stata una decisione malvagia. I progetti verranno realizzati prima o poi. Come detto da uno scienziato, l’energia ci sarà sempre, bisogna solo trovare la fonte e il modo di ottenerla. I leader europei hanno purtroppo trascurato i messaggi che la Russia inviava in tutti questi anni. Chi esporta dall’Ucraina dovrà trovare nuove strategie. La JANAF avrà grosse perdite però il GNL ne approfitterà”, ha detto Trnokop. Un mercato molto elastico è invece quello del turismo, come detto da Ivan Herak. “La Croazia dipende tantissimo dal turismo. Dal 1990 a oggi abbiamo avuto vari tipi di crisi, però abbiamo saputo adeguarci. L’ACI non è in pericolo per il momento in quanto soltanto l’1% degli ormeggi riguarda imbarcazioni russe o ucraine”, ha specificato Herak.

Ivić Pašalić, che ora opera nel settore del legno, ha spiegato che per essere un leader bisogna avere la mentalità giusta. “Purtroppo in Croazia questa mentalità viene spesso ‘uccisa’, motivo per il quale i giovani decidono di andare all’estero. Se il vostro successo non dipende direttamente da voi e dalle vostre competenze, non potrete mai progredire. Al centro dell’attenzione abbiamo ora due leader, quello russo e quello ucraino, che si differenziano per una sola cosa: il valore grazie al quale sono diventati dei leader. Ogni vero leader deve sapere riconoscere il problema prima che questo nasca e deve avere il coraggio di intervenire”, ha concluso.

Kristjan Staničić ha dichiarato che per quanto riguarda il campo del turismo la Croazia è sicuramente un leader. “Siamo un esempio anche per le nazioni molto più sviluppate quando si parla di turismo. Ora ci dobbiamo adeguare nuovamente dopo la pandemia e rivivere una ‘nuova normalità’ dettata dalla guerra in Ucraina, che porterà effetti negativi anche una volta terminata. Bisogna sapere reagire in tempo e trovare nuove soluzioni”, ha affermato Kristjan Staničić. La conferenza continuerà anche oggi con una lunga serie di presentazioni.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display