Un gesto di generosità crea un’onda senza fine

Presentata l’azione «Tutto per i nostri bambini». Concerti a favore della Clinica di ginecologia e ostetricia

Branimir Peter, Tea Štimac, Dalibor Horvat e Lidija Šušak durante la consegna del bilirubinometro

Dopo il grandissimo successo delle azioni “Tutto per i nostri bambini” (Sve za našu djecu) svolte finora, l’Associazione “Il cuore di Fiume” (Riječko srce), in collaborazione con l’emittente televisiva locale Kanal Ri, continua anche quest’anno con l’organizzazione di vari eventi a scopo umanitario. La quinta azione consecutiva ha preso il via ieri, quando è stato attivato il telefono umanitario 060 9009 grazie al quale tutti possono donare 5 kune con una semplice chiamata. Il ricavato sarà devoluto a favore a favore della Clinica di ginecologia e ostetricia del Centro clinico-ospedaliero di Fiume. Sono poi in programma anche due concerti umanitari rispettivamente il 19 aprile e il 14 maggio. “Il primo si svolgerà nel TNC Ivan de Zajc, mentre il secondo durerà tutta la giornata in Corso. Si inizierà nelle ore mattutine con il Festival dei bambini e si continuerà al pomeriggio con un grande concerto all’aperto in piazza della Risoluzione fiumana”, ha detto il presidente dell’Associazione, Dalibor Horvat.
Visto che finora ci sono stati altri eventi umanitari, nel corso dei quali sono stati raccolti dei fondi, Dalibor Horvat ha già ieri consegnato un bilirubinometro, del valore di 17mila kune, al responsabile del reparto di cure intensive per neonati, Branimir Peter. Si tratta di un piccolo apparecchio per la misurazione, in pochi secondi, dell’ittero del neonato in modo totalmente indolore. “Questo apparecchio permetterà di effettuare questa misurazione in modo veloce affinché la permanenza dei neonati in ospedale venga ridotta al minimo. Con i mezzi raccolti durante questa quinta azione umanitaria verrà acquistato poi un apparecchio per il controllo dell’udito”, ha detto Branimir Peter.
Presente anche Tea Štimac, responsabile dell’Istituto di perinatologia presso la Clinica di ginecologia e ostetricia la quale ha dichiarato che lo scorso anno ci sono stati circa 2.400 parti a Fiume. “Nella nostra Clinica arrivano le future madri di tre Regioni circostanti e anche se il numero dei neonati è in lieve discesa, la cosa più importante riguarda il fatto che sia il bimbo che la madre rimangono in ospedale per pochissimi giorni”, ha detto Tea Štimac.
Lidija Šušak, giornalista della tv locale, ha spiegato che finora l’Associazione ha raccolto oltre 500mila kune con le quali è stata messa a nuovo la sala d’aspetto e la sala giochi del reparto di oncologia di Costabella, nonché le stanze sensoriali della scuole elementare Pećine, per i bambini ipo o non vedenti, e quella nel Centro per la sindrome di Down, Rijeka 21. Tutte le azioni sono state patrocinate dalla Città e dalla Regione litoraneo-montana.

Facebook Commenti