Un allettante prodotto turistico-culturale

Sono stati inaugurati, in forma virtuale, i parchi mitologici di Trebišća e Rodik

L’inizio del sentiero alle spalle di Draga di Moschiena

Sono stati inaugurati ieri, in forma virtuale, i due parchi mitologici di Trebišća (Draga di Moschiena) e Rodik (Kozina), nell’ambito del progetto “Parco mitologico – destinazione interregionale per la promozione, salvaguardia e preservazione del patrimonio mitologico”, Interreg Slovenia-Croazia 2014-2020. L’evento, anche se online, ha attirato tantissimi partecipanti desiderosi di scoprire il ricco patrimonio mitologico di queste due zone. Riccardo Staraj, sindaco di Draga di Moschiena, ha colto l’occasione per invitare tutti gli interessati, una volta terminata la pandemia, a visitare entrambi i parchi che offrono la possibilità di acquisire nozioni sul patrimonio mitologico. “Il mio desiderio più grande è far diventare questo progetto un vero prodotto turistico-culturale del nostro Comune”, ha detto Staraj.
Lungo il sentiero tematico dal villaggio di Potoki fino a Trebišća si possono vedere le sculture di Ljubo de Karina che hanno il compito di interpretare il patrimonio e segnare il sentiero.

 

Ricorderemo che lo scopo del progetto è quello di valorizzare il patrimonio culturale delle zone legate alla mitologia e di presentarle a favore del turismo autosostenibile nei Comuni di Draga di Moschiena (Trebišća) e in quello di Erpelle-Kozina, in Slovenia (Rodik). Il progetto si è concluso dopo 32 mesi e il suo valore ammonta a 745.000 euro. Titolare del progetto, il Comune di Erpelle-Kozina, assieme ai partner, il Comune di Draga di Moschiena, la Facoltà di management nel turismo e nella ristorazione di Ica, l’Università del Litorale sloveno, l’Ente per il turismo di Draga di Moschiena e le ditte slovene Arhej e Inkubator. Tutte le informazioni sono reperibili sul sito mitski-park.eu.

Facebook Commenti