Trovato un siluro davanti a Kostrena

L'ordigno è conficcato nella sabbia dei fondali e si spera che potrà venire portato in superficie

Nei fondali al largo di Kostrena i sommozzatori del circolo subacqueo “3. maj” Nika Keller e Matko Kalajzić, hanno rinvenuto nientemeno che un siluro. I due sub hanno fotografato l’ordigno e ritengono che si tratti di una scoperta molto preziosa perché ad oggi pochissimi esemplari sono stati riportati in superficie. Una parte della testata è piantata nella sabbia. Come ha spiegato il fotografo Matko Kalajzić, l’ottima visibilità a una profondità di circa 40 profondità, in un’area per la verità difficilmente raggiungibile anche da esperti nelle immersioni, ha permesso di individuare l’ordigno. “Abbiamo effettuato l’immersione il 22 giugno scorso assieme al collega Fisnik Sahatciu per documentare il ritrovamento. Tuttavia, abbiamo dovuto attendere che la bora ripulisse il mare per trovare quello che stavamo cercando. L’ottima visibilità ci ha quindi permesso di individuare sia il siluro che il punto esatto in cui giace”, ha spiegato Kalajzić.
Secondo le prime indiscrezioni potrebbe trattarsi si un siluro calibro 450. Per avere ulteriori chiarimenti ci siamo rivolti al fotografo e ricercatore subacqueo Danijel Frka il quale, assieme ai due sub, si era immerso qualche giorno dopo per scattare foto più dettagliate. “Il ritrovamento è stato immeditamente segnalato al Museo del Siluro di Fiume che ora dovrà interpellare la Questura per poter procedere alle operazioni di recupero. Fortunatamente, al suo interno non contiene elementi che possono essere considerati pericolosi per cui riportarlo in superficie non dovrebbe rappresentare un problema. Questo è ovviamente anche il desiderio dei sommozzatori che lo hanno ritrovato”, ha fatto sapere Danijel Frka.

Facebook Commenti