Statale DC-403. Il tunnel di Podmurvice sta prendendo forma

Continuano senza sosta i lavori di costruzione dell’arteria stradale che collegherà Molo Zagabria alla tangenziale

Tracciato il percorso della DC-403

A differenza di altri settori d’importanza vitale, la pandemia di Covid-19, che ha interessato buona parte del 2020 catapultando il mondo intero in quella che viene chiamata la “nuova normalità”, non è riuscita a compromettere più di tanto il campo dell’edilizia. Concretamente parlando, nel nostro piccolo l’epidemia non ha influito in maniera incisiva sul corso dei lavori relativo, ad esempio, alla costruzione della futura statale DC-403, la costosissima arteria (il cui valore equivale a circa 456 milioni di kune per poco meno di 3 chilometri) che, una volta conclusa, collegherà Molo Zagabria alla tangenziale fiumana, all’altezza dello svincolo di Scurigne. Il costo così alto, ricorderemo, è dovuto alla complessità dell’intervento in quanto la maggior parte della viabile si troverà sotto terra o sospesa in aria. Le strutture più complesse da costruire saranno il tunnel di Podmurvice (1.253 metri) nonché i viadotti Pioppi (316 metri) e Mlaka (144 metri). Se per gli ultimi due si dovrà aspettare un altro po’ di tempo prima che s’inizi con l’edificazione, per la suddetta galleria i lavori sono già iniziati e nonostante le festività di fine anno sono fin d’ora in gran fermento. Dopo una prima fase di preparazione, è iniziata di recente la perforazione del futuro tunnel che andrà a collegarsi allo svincolo di Scurigne. Le maestranze impegnate nell’intervento – appartenenti al consorzio di società costituito dalla GP Krk, dalla Kolektor CPG di Nova Gorica e dalla Euro-Asfalt di Sarajevo – hanno contribuito a perforare in questo periodo quello che sarà l’ingresso nella galleria, come pure a spianare e tracciare quello che sarà il futuro percorso dell’arteria, tra il Deep Sea Container Terminal e la tangenziale fiumana. In questo senso, da qualche settimana sono in corso lavori nella zona che interessa lo svincolo di Scurigne, sulla quale vige un nuovo regime di circolazione. Il tratto è stato provvisto di segnaletica temporanea, che rimarrà lì fino a lavori conclusi. Il traffico, in determinati punti, procede a rilento, su una sola corsia. Le maestranze hanno iniziato, intanto, con lo spianamento dell’area circostante, sulla quale sorgerà appunto la D-403, con tutte le sue sfaccettature.

L’ingresso nella futura galleria
Gli interventi non si fermano neanche in questo periodo di festa
Il punto da cui si accederà al terminal container
Nuovo regime di circolazione in zona Valscurigne

Facebook Commenti