Startup Super School per i ragazzi della SMSI

Sono iniziati nella sede della Comunità degli Italiani di Palazzo Modello i corsi rivolti agli alunni dell'ex Liceo

I relatori in cattedra a Palazzo Modello. Foto Ivor Hreljanović

La startup Super School, l’acceleratore imprenditoriale nato in Sicilia e dedicato ai giovani, è tornato anche quest’anno in Croazia. Si tratta della terza volta che gli alunni della Scuola Media Superiore Italiana di Fiume hanno l’opportunità di seguire le lezioni dedicate al mondo dell’imprenditoria, il tutto nella Comunità degli Italiani di Fiume, dove ormai da tre anni va avanti questo progetto.
Il corso della durata di cinque giorni è partito lunedì 27 gennaio, e andrà avanti per tutta la settimana. I relatori Danilo Mirabile ed Emanuele Accardo della Startup Super School, hanno sfruttato la prima giornata per parlare di imprenditoria in generale, per spiegare ai ragazzi com’è iniziata la loro avventura, ovvero vincendo un concorso organizzato dalla Regione e andando poi a creare la loro prima azienda. Durante la settimana si parlerà però di tante cose, come della bontà delle idee imprenditoriali, di come saper riconoscere un’idea buona da una che potrebbe fruttare meno, di come promuoverle attraverso il marketing online e di come muoversi in un mondo sempre più veloce e complicato.
L’importanza di questo corso di formazione imprenditoriale è stata riassunta dal preside della SMSI, Michele Scalembra. “I ragazzi impareranno come creare una StartUp partendo da un’idea, il tutto in quaranta ore suddivise in cinque giorni. Questo rientra appieno nel nostro obiettivo di far acquisire ai ragazzi delle competenze lavorative pratiche, che li aiuteranno poi a inserirsi nel mondo del lavoro o a creare del lavoro fondando una propria azienda, una volta finiti gli studi liceali”, ha affermato Scalembra, il quale ha ringraziato la Comunità per l’accoglienza e l’Unione Italiana per il supporto finanziario fornito, menzionando in particolare Melita Sciucca, presidente della CI e Marin Corva, presidente della Giunta esecutiva dell’UI.
“I ragazzi impareranno come creare dei loro siti web, come presentare delle domande di lavoro e tanto altro; tutte competenze che rientrano anche negli obiettivi specifici della nuova riforma curriculare, che noi stiamo implementando anche per il tramite di questo progetto, cercando di fare più lavoro sul campo. Negli anni scorsi i riscontri dei ragazzi sono stati ottimi e ora speriamo di proseguire con questo progetto che è stato patrocinato addirittura dalle Nazioni Unite”, ha concluso Scalembra.

Danilo Mirabile ed Emanuele Accardo

Ma chi sono Danilo Mirabile e Emanuele Accardo e quali sono le competenze specifiche che trasferiscono ai nostri ragazzi? Si tratta di due giovani imprenditori che si sono inventati un sistema di comunicazione online simile al più famoso Skype, ma che a differenza di quest’ultimo è in grado di funzionare senza interruzioni anche quando c’è poco campo. Per queste caratteristiche il loro software è molto ben quotato in tutta una serie di mercati emergenti come quelli dell’India, dell’Africa e dell’America del Sud. Oltre a questo prodotto hanno creato anche il Startup Super School, che consiste appunto nel trasferire le competenze imprenditoriali ai giovani, per il tramite di seminari ed esercitazioni da svolgere presso le scuole che aderiscono al progetto.
Il loro approccio è estremamente pratico e porterà i ragazzi, in cinque giorni, a cercare di trasformare una loro idea in un’applicazione, ossia in uno di quei programmi che si installano sui telefonini. Staremo a vedere quali saranno i risultati, pronti a investire qualora dovessimo capire per primi che uno dei nostri liceali sta per creare una nuova rete sociale di successo.

Facebook Commenti