Stagione turistica promossa a pieni voti

La nuova Task force di Abbazia ha presentato i dati epidemiologici. Impennata di contagi in Regione, che comunque rientra ancor sempre nella zona verde

Foto Zeljko Jerneic

Ha avuto luogo ieri la prima conferenza stampa della nuova Task force di Abbazia con a capo il vicesindaco Kristina Đukić. Il tema dell’incontro con i media è stato il resoconto della stagione turistica nonché la situazione epidemiologica attuale. “Per quanto riguarda la stagione turistica possiamo ritenerci più che soddisfatti – ha detto Kristina Đukić –. Più di 109mila turisti hanno soggiornato ad Abbazia dal 1° giugno al 31 agosto. In questo periodo abbiamo registrato 33 persone positive al Covid-19. Un numero per noi relativamente basso. Ciò dimostra che siamo riusciti a offrire tantissime manifestazioni, per le quali gli organizzatori si sono dati da fare affinché non ci siano ulteriori contagi e di questo li vogliamo ringraziare. La Task force ha reagito in modo molto severo per quanto riguarda l’organizzazione delle manifestazioni e anche se molti cittadini sono scontenti del fatto che alcuni eventi sono stati rimandati, crediamo che la salute debba venire messa al primo posto. Fino al 16 agosto abbiamo vaccinato il 45,09% del totale della popolazione di Abbazia e dintorni. Ora abbiamo davanti a noi un nuovo periodo fatto di sfide, ovvero l’inizio della scuola, il rientro dalle ferie e la permanenza negli spazi chiusi. Invito tutti i cittadini a comportarsi in modo responsabile. Abbiamo imparato a convivere con la pandemia però dobbiamo continuare a essere prudenti e a non abbassare la guardia”.

 

In estate 15 turisti positivi

L’epidemiologo dell’Istituto di salute pubblica di Abbazia, Mario Sušanj, ha voluto fare un resoconto dettagliato del quadro epidemiologico durante i mesi estivi. “Dal 1° gennaio al 2 settembre, nella Liburnia abbiamo avuto 718 persone positive, delle quali purtroppo 5 hanno perso la loro battaglia contro il virus. Il 2 settembre c’erano 3 casi attivi. Dall’inizio dell’anno a oggi abbiamo avuto 15 turisti che sono risultati positivi e per il quali è stata organizzata la quarantena nell’albergo dove soggiornavano, come pure per i loro contatti più stretti. Dieci invece gli operatori turistici contagiati dal 1° gennaio. Grazie all’impegno di tutti i dipendenti del settore, nonché di quelli dell’Istituto di salute pubblica, la stagione turistica non ne ha risentito. Abbiamo lavorato sodo e i risultati sono visibili. Ringrazio tutti gli abitanti di Abbazia e gli operatori turistici che con il loro comportamento responsabile hanno fatto sì che la nostra città venga riconosciuta come una destinazione sicura. Continuiamo in questa direzione per evitare che la nostra Regione segua l’andamento negativo delle altre zone della Croazia”, ha detto Sušanj, ricordando che tutti gli interessati, turisti inclusi, possono vaccinarsi ogni martedì e giovedì dalle 11 alle 12 negli spazi dell’Istituto di salute pubblica di Abbazia, oppure presso i medici di famiglia ogni venerdì pomeriggio.

Stagione degli incendi sotto controllo

Gordan Filinić, vicecapo della Task force, nonché comandante dei Vigili del fuoco di Abbazia, ha informato i presenti sull’andamento della stagione per quanto riguarda gli incendi e interventi vari. “Fino al 31 agosto abbiamo avuto 181 interventi, dei quali 96 dall’inizio di giugno. Dato che quest’estate è stata molto difficile negli altri Stati del Mediterraneo, possiamo essere soddisfatti di come sia andata da noi. Abbiamo avuto 12 incendi all’aperto, 4 di macchine e 6 in varie strutture, nonché interventi di tipo tecnico come nel corso di incidenti stradali durante i quali, purtroppo, una persona ha perso la vita. Visto l’alto grado di siccità, esiste ancora il pericolo di incendi, per cui invito i cittadini a fare attenzione e a non bruciare foglie o altro fino all’inizio di novembre”, ha concluso Gordan Filinić.

Gordan Filinić, Kristina Đukić e Mario Sušanj

Regione: 261 i casi attivi

Continua a salire invece il numero dei casi di contagio in Regione. Nelle ultime 24 ore registrati 54 nuovi positivi su 2.178 tamponi effettuati (2,48%). Sono 25 invece le persone guarite il che fa salire il numero dei casi attivi a 261. Tra i nuovi contagiati, 40 provengono da Fiume e dintorni, 8 dalla Liburnia, 3 dalla Riviera di Crikvenica e altrettanti dall’isola di Veglia. La maggior parte di questi sono persone che lavorano. Aumenta anche il numero dei pazienti in cura al CCO di Fiume, 23 in tutto, dei quali 4 hanno bisogno della respirazione assistita. Di questi 3 provengono dalle Regioni limitrofe. Purtroppo una persona ha perso la battaglia contro il virus.

Anche se la situazione sta peggiorando, in base all’incidenza cumulativa degli ultimi 14 giorni, la Regione si trova ancora sempre nella zona verde, in quanto questa ammonta a 61,36.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.