Platak. Inverno 2021/22, innevate tutte le piste

Ripresi sul Platak i lavori all'ultima fase del sistema per produrre la neve artificiale

Ljudevit Krpan, Sonja Šišić e Alen Udovič

Sul Platak sono ripresi i lavori al sistema per l’innevamento artificiale. Ieri il direttore del Centro sportivo montano, Alen Udovič, ha fatto da guida ai rappresentanti dei media lungo il cantiere. Questa è l’ultima fase per quanto riguarda l’installazione dei cannoni e si concluderà prima dell’inizio della stagione sciistica sul Platak che, curiosamente, lo scorso inverno è stato tra i pochissimi posti in Europa in cui è stato possibile sciare.

 

A partire dalla prossima stagione, quindi, se dovessero venire meno le precipitazioni, ciò potrà venire compensato con la neve artificiale che raggiungerà le piste Radeševo 1 e 2, Zavoj 19, Pribeniš e Baby lift, cioè tutte quelle raggiungibili con impianti di risalita esistenti. Quest’ultima fase, che completerà la rete per l’innevamento, costerà circa 3,5 milioni di kune.

Un altro progetto di vitale importanza è quello della nuova seggiovia a quattro posti per la quale sono in fase conclusiva le operazioni legate alla gara d’appalto. Si tratta di un’opera del valore di circa 35 milioni di kune e la realizzazione procederà per fasi. Come ha detto Ljudevit Krpan, capo del Dipartimento per lo sviluppo regionale, le infrastrutture e la gestione dei progetti in seno alla Regione, l’intento è quello di non limitare il Platak ai soli sport invernali, bensì di offrire dei contenuti per tutto l’anno, uno degli obiettivi condivisi con Sonja Šišić, a capo del Dipartimento per lo sport, la cultura e la cultura tecnica: “Già dal prossimo fine settimana riparte il Festival dello sport ricreativo con un ricco programma di attività all’aria aperta e che si concluderà a settembre. Sono invitati tutti”.

Facebook Commenti