Migranti: tutto sotto controllo

0
Migranti: tutto sotto controllo

“Non c’è nessuna emergenza migranti. I confini sono sicuri, i cittadini sono sicuri e le loro proprietà sono sicure. Chiunque dica il contrario parla senza conoscere i fatti”. Ad affermarlo è il questore della Regione litoraneo-montana, Tomislav Dizdar, a margine della riunione del Comando della protezione civile della Regione.

“Il tema dei migranti sta suscitando notevole scalpore. Ad un tratto sembrano tutti interessati a questa tematica. Per questo motivo abbiamo pensato di mettere a vostra disposizione la persona più autorevole che c’è quando si parla di migranti: il questore. L’intento è quello di dare ai cittadini della nostra Regione delle informazioni chiare e attendibili”, ha spiegato il presidente della Regione, Zlatko Komadina.

Tutto nella norma

“La migrazione è un fenomeno tipico dell’uomo, che si è sempre spostato da un posto all’altro in cerca di migliori condizioni di vita. Anche guardando ai tempi recenti non si nota nulla di nuovo in questi giorni. I fenomeni migratori che stanno interessando il nostro Paese in questo momento sono gli stessi che sono iniziati nel 2015. Durante vari periodi ci sono stati dei flussi più o meno intensi. I cittadini provenienti dall’Africa o dal Medio Oriente stanno attraversando la Croazia e così pure la Regione litoraneo-montana ormai da anni”, ha rilevato Dizdar.

Nessuna rotta regionale

“Queste persone arrivano dal confine con la Bosnia ed Erzegovina e sono dirette in Slovenia. Per attraversare la nostra Regione prediligono le zone boschive e rurali, ma non c’è una percorso fisso in quanto sono molto disorganizzati. Generalmente cercano di orientarsi usando le strade oppure i binari, ma occasionalmente possono affrontare il percorso anche lungo dei sentieri. Li abbiamo trovati in tante località in questi anni, ma senza mai notare una concentrazione particolare in una rotta predefinita”, ha dichiarato il questore.

È tutto sicuro

“I cittadini sono al sicuro, non corrono alcun rischio. Dal 2015 a oggi non si sono verificati incidenti, quindi nessuno deve temere per la propria incolumità. È vero che ultimamente ha fatto notizia l’irruzione di alcuni migranti in dei villini sul Piccolo Platak, ma se togliete dalla notizia la parola migranti vi sembrerà un incidente ordinario. Ultimamente la criminalità legata ai furti nelle case è in calo, indipendentemente dai fenomeni migratori, quindi possiamo affermare in tutta tranquillità che le proprietà e gli immobili dei cittadini della nostra Regione sono al sicuro”, ha concluso Dizdar.

Nessuna emergenza

“I cittadini che dovessero avvistare dei migranti sono invitati a chiamare il 112 o il 192, ossia le unità d’intervento e la Polizia. È questo il modo giusto di reagire, perché così i professionisti del settore possono prendersi cura della situazione rispettando tutte le norme di legge e garantendo la massima sicurezza. Chi aspetta a chiamare la Polizia per fare prima delle foto e condividerle sui social media non fa altro che alimentare il panico. Capita che un gruppo di tre o quattro migranti venga fotografato da più persone, che condividendo le foto in massa generano fra la popolazione l’idea che i migranti siano una trentina. Invito i cittadini a non alimentare la paura, bensì a rivolgersi prontamente alla Polizia”, ha affermato Komadina.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display