Meteo. Stretti nella rovente morsa africana

L’anticiclone subtropicale continuerà a pompare aria calda almeno fino al prossimo inizio di settimana

Il mese di maggio in versione autunnale è ormai un lontano ricordo. Negli ultimi giorni nella nostra Regione è infatti scoppiata con buon anticipo l’estate, con tanto sole e temperature che hanno subito una brusca impennata, complice la rimonta dell’alta pressione causata da un dirompente anticiclone nordafricano che ha stretto nella sua rovente morsa buona parte dell’Europa centromeridionale. Si tratta della prima vera ondata di caldo di questa stagione, che giorno dopo giorno prende sempre più vigore pompando aria rovente subtropicale e facendo schizzare la colonnina di mercurio oltre i 30 gradi. Se fino ad ora abbiamo sudato parecchio, da oggi lo faremo ancora di più in seguito a un rinforzo dei venti dai quadranti meridionali, i quali però non porteranno piogge, bensì continueranno a portare aria calda, oltre ad aumentare la percentuale d’umidità, con conseguente accentuazione dell’afa e quindi della temperatura percepita. Ma le cose sono destinate a complicarsi ulteriormente nel fine settimana quando questa vasta bolla africana, che fa da scudo contro le umide correnti atlantiche, prenderà ancora più coraggio, tant’è che sabato e domenica è atteso il picco e sulla costa i termometri potrebbero anche sfiorare i 35 gradi. E come se non bastasse, il caldo non allenterà la sua presa nemmeno di notte, con valori minimi superiori ai 20 gradi, in quelle che gli esperti chiamano in gergo notti tropicali. Non andrà meglio neppure in montagna dove si potrebbero raggiungere i 30 gradi anche a 1.000 metri di quota. Insomma, l’estate 2019 ha deciso di scaldare i motori fin da subito. E allora non ci resta che dare il via alle tintarelle (ma sempre con protezioni e creme solari) e a un refrigerante quanto rigenerante tuffo in mare.

Facebook Commenti