Laura Marchig: «Pluriennale impegno nella tutela della CNI»

Livio Defranza, Laura Marchig e Ana Sturm Martinić

Laura Marchig, capolista della coalizione Lista per Fiume e Iniziativa del Quarnero, ha presentato ieri il suo programma elettorale in vista delle elezioni suppletive per il seggio garantito nell’Assemblea regionale in programma il 3 ottobre prossimo. Ad affiancarla, altri due candidati e precisamente Livio Defranza e Ana Sturm Martinić. La lista dei candidati comprende ancora Bruno Paladin, Elena Dorčić Spatola, Sebastian Valenčić e Alen Kulundžić Juranić.

 

“Venite a votare il 3 ottobre e dichiaratevi italiani al censimento perché è fondamentale per la salvaguardia della CNI”, è il messaggio di Laura Marchig. “La mia vita è strettamente legata all’arte e alla cultura, ma sempre al servizio della Comunità nazionale italiana. Non so vivere diversamente se non accanto e a favore della nostra minoranza. Credo che gli elettori sapranno riconoscerlo, che sapranno apprezzare il grande impegno della Lista per Fiume a favore della CNI e le iniziative che sono state realizzate. Qualora venissi eletta, il mio impegno sarà rivolto a ripristinare l’insegnamento in lingua italiana laddove è venuto a mancare, occuparmi delle esigenze dei lavoratori, dei giovani, degli anziani e migliorare la situazione nei settori dell’arte e della cultura, tutelare la lingua italiana e il dialetto fiumano, ma soprattutto battermi affinché venga introdotto il bilinguismo. Qualora non venissi eletta continuerò comunque a operare a favore della CNI”, ha detto ancora Marchig sottolineando la necessità di creare un clima positivo, com’è successo nella Regione istriana, dove la componente italiana è considerata parte integrante della società. La candidata al seggio garantito CNI ha ricordato pure che recentemente il governo ha accettato la proposta di proclamare il dialetto istro-veneto come bene immateriale della Croazia, mentre nella Regione litoraneo-montana non esiste quest’interesse per il dialetto fiumano. “Bisogna avere il coraggio di battersi per la salvaguardia del nostro passato della cultura, della lingua e del dialetto. Anche i presidenti delle Comunità degli Italiani della Regione hanno il diritto di avere un rappresentante in Assemblea, un punto di riferimento per le questioni che ci riguardano, questo è molto importante”, ha concluso Laura Marchig.

Livio Defranza ha ricordato le varie iniziative proposte e realizzate dalla Lista per Fiume, a partire dagli odonimi storici in Cittavecchia, all’istituzione di piazza Zanella, al ripristino dell’aquila bicipite sulla Torre civica e all’uso della bandiera storica fiumana. “Nello scorso mandato del Consiglio cittadino, è stata approvata la proposta di aumentare i finanziamenti a favore del Consigli delle minoranze, che sono raddoppiati. Infine, anche la proposta della tabella bilingue all’entrata della città è stata fatta dalla Lista per Fiume. Da non dimenticare le varie iniziative per la tutela delle tombe storiche nel Cimitero monumentale di Cosala. Tutto ciò rappresenta una garanzia. Laura Marchig è sicuramente la scelta migliore per la minoranza italiana”, ha detto infine Livio Defranza.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.