La tradizione del Carnevale resta viva (foto)

Maschere a Fiume qualche settimana fa. Foto Ivor Hreljanović

La 38.esima edizione della Sfilata internazionale del Carnevale di Fiume quest’anno si è svolta in versione online. Niente gruppi mascherati o eventi di alcun tipo. Affinché la tradizione venga mantenuta, gli amanti della Quinta stagione non si sono dati per vinti e sabato hanno organizzato comunque, nel massimo rispetto delle misure epidemiologiche, due “sfilate” su quattro ruote. La prima si è svolta a Grobnico mentre la seconda è stata la rivisitazione della famosa gara Paris-Bakar che però si è svolta dal Campus di Tersatto fino allo stadio di Cantrida. Il tutto con accompagnamento musicale grazie a DJ Tommy che ha rallegrato i passanti lungo tutto il tragitto con l’autobus turistico. Ieri invece l’emittente locale Kanal Ri ha presentato una carrellata di filmati di una settantina di gruppi che si sono presentati con foto e interventi delle scorse edizioni. Vista la bellissima giornata, in Corso si sono dati appuntamento comunque tantissimi gruppi, in “formato ridotto”, che hanno voluto celebrare in sordina una delle manifestazioni più attese dell’anno a Fiume. Nel pomeriggio invece gli studenti del gruppo carnascialesco della Facoltà di Marineria (POM-F-RI) hanno giustiziato il loro Messer Carnevale, che quest’anno porta il nome “Il nostro amico Willy”, reo di aver causato il terremoto, organizzato le lezioni online, fatto ritornare il Covid-19, annullando così Carnevale e tanto altro ancora. Nella speranza che il 22 febbraio del 2022 il Corso venga nuovamente invaso da migliaia di maschere da tutto il mondo.

Facebook Commenti