Josip Ostrogović: «Testimoni di discriminazioni mai viste»

Josip Ostrogović, candidato Hdz

“Siamo testimoni di discriminazioni mai viste e di prese di posizione non sufficientemente decise da parte di quasi tutta la scena politica fiumana”, ha dichiarato ieri Josip Ostrogović, presidente della sezione fiumana dell’HDZ e candidato sindaco di Fiume. Il riferimento è al caso dell’ormai arcinoto bar il cui titolare aveva dichiarato sui social che i membri dell’HDZ non sarebbero graditi nel suo locale. Ostrogović ha constatato che sarebbe venuta meno una reazione più veemente da parte sia del sindaco uscente Vojko Obernsel che degli altri candidati che intendono prendere il suo posto. “Il silenzio su questo tema è indicativo. Se si trattasse di loro, credetemi, avrebbero alzato sicuramente la voce. Come cittadino di Fiume prima e poi come membro dell’HDZ posso dire di essere a favore della libertà di parola, di pensiero, del diritto di pensarla in modo diverso dal mio, ma dico no quando si negano i diritti umani, le libertà e si tende a dividere e a discriminare chiunque in base all’appartenenza politica.
Il premier Plenković ha reagito in modo normale, civile e democratico, facendo notare al Paese cosa sta succedendo. È seguita una lunghissima lettera del sindaco uscente Obersnel che dichiara di voler abbassare i toni, ma che in effetti non fa altro che contribuire alle divisoni nella società in funzione della lotta per il potere. Per lui il potere è la cosa in assoluto più importante”. Ostrogović ha concluso il suo intervento elencando quelli che ritiene siano gli insuccessi di Obersnel nei suoi vent’anni da sindaco: “Si lascia dietro 250 milioni di kune di debiti, non è stato capace nemmeno di dare il via ai lavori per la nuova autostazione in cui sono stati spesi, che ci crediate oppure no, 50 milioni di kune. Per i progetti a Preluca ha gettato altri 15 milioni. Ha distrutto, con le sue divisioni ideologiche, anche il progetto EPK-CEC 2020. Anche i progetti del complesso Benčić e della nave Galeb sono ancora in alto mare, nel 2021, mentre Fiume è stata la Capitale della Cultura nel 2020”.

Facebook Commenti