Il porto di Fiume pronto ad accogliere i crocieristi

Inaugurata ieri la stagione 2021. I primi 20 turisti austriaci partiti a bordo della Albatros

L’imbarco dei primi turisti sulla Albatros

Il turismo nell’economia croata rappresenta un comparto di vitale importanza e non lo scopriamo oggi. Per questo motivo si presta particolare attenzione a tutto ciò che può consentire al Paese, anche in questo secondo anno all’insegna della pandemia da coronavirus, di raggiungere dei risultati soddisfacenti. Ieri sera sul Molo longo è stato annunciato l’inizio della stagione per quanto riguarda le piccole navi da crociera, quelle che da molti anni partono dal porto fiumano per portare i turisti a visitare l’intera costa adriatica e che appartengono alla flotta dell’agenzia I.D. Riva tours, una delle agenzie leader nel campo delle crociere su piccole unità per non più di cinquanta passeggeri, molto spesso velieri, diretta da David Manojlović.

 

La stagione è stata inaugurata ufficialmente con la partenza di 20 turisti austriaci che ieri sera si sono imbarcati sulla nave Albatros. “Quest’anno, per i motivi che tutti conosciamo – ha detto Denis Vukorepa, direttore della Port Authority di Fiume – abbiamo dovuto predisporre tutte le misure e i protocolli sul tema Covid-19, seguendo le indicazioni dell’Unità di crisi nazionale della Protezione civile e le indicazioni del World Travel & Tourism Council”.

All’incontro con i media c’era anche Gari Cappelli, deputato al Sabor, nonché ex ministro del Turismo, ma oggi particolarmente impegnato come candidato presidente della Regione litoraneo-montana. Egli ha augurato al comandante della Albatros, Alan Staničić, condizioni di tempo migliori di quelle di ieri sera, quando in città si è scatenato un violento temporale. Cappelli ha aggiunto che circa l’80 per cento degli operatori turistici sono già stati vaccinati e tra questi l’equipaggio della Albatros. Martedì prossimo, invece, sarà la volta del personale della Port Authority legato alle operazioni di imbarco e approvvigionamento delle navi da crociera.

Vukorepa ha precisato che la Port Authority ha predisposto tutte le misure e adottato i protocolli che oggi consentono al porto fiumano di potersi proporre come porto sicuro con le certificazioni “Safe stay in Croatia“ e “Safe travels”. Ciò agevola i turisti nella ricerca delle destinazioni e delle compagnie riconosciute in quanto al passo con i più elevati standard internazionali in tema di tutela sanitaria e igienica. La Port Authority fiumana è pronta ad adeguarsi a ogni cambiamento e a ogni nuova esigenza in base alle indicazione della Task force nazionale della Protezione civile.

Facebook Commenti