La CI di Lussinpiccolo pronta a ricominciare

Dopo un anno in cui l’attività è stata interrotta, la presidente del sodalizio Anna Maria Saganić auspica il ritorno alla normalità

Villa Perla, sede della CI di Lussinpiccolo

Anche la Comunità degli Italiani di Lussinpiccolo ha dovuto interrompere molte attività programmate per il periodo che va dal 1° gennaio 2020 al 30 giugno 2021 causa la pandemia da Covid-19. La presidente Anna Maria Saganić ci spiega: “Bisogna dire che a causa del Covid-19 tutti i corsi previsti sono stati interrotti nel marzo 2020 e così pure l’attività del coro ‘Vittorio Craglietto’ che era stato invitato a uno scambio culturale in occasione della festa della donna. Il piccolo coro ‘Perla’ con l’insegnante Martina Kalac avrebbe dovuto andare a Zagabria a presentare la canzone Lussin Lussin. Per fortuna, però, la registrazione fatta a Lussino si è potuta mettere su Youtube e a dicembre siamo riusciti a registrare il DVD del brano, finanziato dalla Regione litoraneo-montana. Avevamo in piano di festeggiare il 30.esimo anniversario della CI con la presentazione del libro ‘I primi cinquant’anni di turismo a Lussino’, in versione bilingue, italiano-croata, con la partecipazione e il concerto per pianoforte del musicista Roberto Franca Matkovich di Milano. Cancellata anche la Settimana del cinema italiano con il regista Paolo Lipari di Como”, spiega la presidente.

Anna Maria Saganić, presidente della CI

“Cosa siamo riusciti a fare? Innanzitutto nell’aprile scorso siamo riusciti a pubblicare il nostro giornalino El Zarzuaco lussignan, ma quello che è più importante per noi è che, grazie ai finanziamenti assegnati dal Governo (Ufficio per i diritti dell’uomo e delle minoranze nazionali) per tramite dell’Unione Italiana, siamo riusciti a fare molti lavori di restauro nel pianterreno della nostra sede in Villa Perla, danneggiato dai vari allagamenti. Sono stati imbiancati i muri sia all’interno che all’esterno, rifatte le scale interne, eseguiti i lavori di manutenzione del giardino e acquistate attrezzature (schermo e proiettore) per la Settimana del cinema italiano. La segreteria e la biblioteca sono rimaste aperte come sempre il lunedì e il giovedì dalle 10 alle 12”, prosegue Anna Maria Saganić.

 

Parlando del 2021, la CI si propone di continuare con le attività programmate. Principalmente di continuare con i corsi di lingua italiana per bambini, quelli di pergamano, découpage, macramè e ginnastica correttiva per adulti, pubblicare il prossimo numero del giornalino “El zarzuaco lussignan“, continuare con le prove del coro femminile “Vittorio Craglietto“ e del coro dei bambini “Perla“, per potere partecipare alle varie manifestazioni quali la Giornata del pane, Natale, fine anno scolastico, torneo di briscola e tressette, scambi culturali con le altre CI, organizzare la Settimana del cinema italiano, il ciclo di tre concerti per pianoforte, i laboratori di aromaterapia e della cucina tradizionale italiana, le mostre dei lavori manuali nonché la correzione e la stampa della “Cronologia dell’isola di Lussino”.
“Benché con le recenti brutte notizie riguardanti i problemi di distribuzione dei vaccini siamo un po’ cauti, il cuore ci dice che con la bella stagione tutto cambierà e saremo in grado di svolgere nella normalità i nostri programmi”, conclude la presidente.

Facebook Commenti