Ica, dopo un anno il «vino di mare» vede la luce del giorno

I sub hanno portato a galla le gabbie con le bottiglie di vino. Foto Ivor Hreljanović

Lasciato per un anno a una profondità di 20 metri, a una temperatura fino a 16 gradi, accarezzato dalle correnti (di origine carsica) a Ica (Ika), piccola località liburnica non lontano da Abbazia (Opatija). Qui l’attenzione è concentrata sul vino, soprattutto su quello depositato in mare e lasciato a invecchiare. Un anno fa, tremila bottiglie di vino di rinomati viticoltori locali sono state poste in gabbie sul fondale del mare, in una zona dove ci sono correnti marine tipiche di Ica. I vini sono invecchiati in condizioni ideali e questo weekend i sub hanno proceduto all’estrazione. Il «vino di mare» ha finalmente visto la luce del giorno ed è di ottima qualità, dicono gli esperti.

Facebook Commenti