Gli alunni della SEI Gelsi in aiuto ai loro coetanei

Pacchi con materiale didattico per le zone terremotate

Gli alunni delle IV classi (nella foto) assieme agli altri scolari delle inferiori sono stati bravi a raccogliere materiale didattico

Gli alunni delle classi inferiori della SEI Gelsi di Fiume, sezioni italiana e croata, si sono rimboccati le maniche, a partire dal giorno in cui sono riprese le lezioni in presenza, al fine di raccogliere materiale didattico a favore dei bambini delle zone terremotate di Petrinja, Sisak, Glina e dintorni. Le donazioni sono state consegnate ieri alla Caritas, che avrà il compito di inviarle a destinazione.

La direttrice Gloria Tijan

“Anche se al rientro dalle vacanze invernali siamo rimasti per un bel po’ dimezzati, abbiamo comunque deciso di darci da fare per permettere ai bambini delle zone colpite dal sisma, di poter avere almeno parte del materiale necessario per seguire le lezione – ha detto la direttrice Gloria Tijan –. A fine maggio ci sarà una nuova azione di raccolta di materiale scolastico, alla quale parteciperanno anche gli allievi delle classi superiori, anch’essi rientrati a scuola. Inizieremo con la raccolta già a marzo, di modo che a fine aprile risulti tutto pronto dopo di che non ci resterà che organizzare il trasporto dei pacchi. È nostro desiderio far arrivare queste donazioni a chi veramente ne ha bisogno, ovvero in quelle scuole che sono rimaste aperte e che operano regolarmente. Non sappiamo di preciso a chi verrà destinato il materiale, ma abbiamo voluto introdurre in ogni pacco una letterina affinché i destinatari sappiano chi siamo. L’ideale sarebbe avere un contatto diretto e in seguito trovare qualcuno che trasporti il tutto nelle zone interessate. Oltre al materiale didattico, abbiamo inviato anche i kit di manuali per le elementari delle case editrici croate, che ci erano stati recapitati per una visione prima di effettuare le ordinazioni. Per gli acquisti abbiamo avuto un limite di spesa pari a 20 kune a bambino. Sembra poco, ma oggi nei centri commerciali possono venir acquistate matite, gomme da cancellare e penne a sfera per pochi soldi. Abbiamo riempito 12 scatole in un batter d’occhio. Ci sono stati anche coloro che hanno portato materiale che superava le 20 kune. L’importante era far partecipi i bambini dando loro la possibilità di dimostrare sensibilità verso i loro coetanei che purtroppo stanno passando un bruttissimo momento. Ora si includeranno anche le superiori e sicuramente il ‘bottino’ aumenterà sensibilmente”.

I pacchi sono stati consegnati alla Caritas

Facebook Commenti