Fiume. Il parroco: «Benedite le case da soli, donazioni sul nostro conto»

La chiesa di San Vito a Fiume. Foto Ivor Hreljanović

A causa dell’epidemia da Covid-19, la benedizione delle case è diventata un argomento molto delicato, perché porta con sé la possibilità della diffusione del virus, nonché l’infezione dei sacerdoti che compiono le benedizioni delle case. Un documento che circola sui social network, inviato dalla parrocchia San Giovanni Battista di Fiume, invita i credenti  a benedire da soli le loro case, mentre il denaro che viene in genere per l’occasione donato alla Chiesa durante la benedizione delle case, può essere versato su un conto bancario. Lo si afferma in una lettera inviata dal parroco Mate Berišić del rione fiumano di Scurigne.

Facebook Commenti