Fiume e circondario: sfiorato il milione di pernottamenti

Un gruppo di turisti in bici vicino al Teatro Ivan de Zajc. Foto Goran Kovacic/PIXSELL

La prova generale dal punto di vista turistico in vista di Fiume CEC 2020 è stata superata. Lo confermano i dati relativi al 2019, e lo ribadisce anche Petar Škarpa, direttore dell’Ente turistico cittadino. “Siamo estremamente soddisfatti dei risultati conseguiti perché ci siamo avvicinati alla magica soglia del milione di pernottamenti – ha detto Škarpa –. Gli esercizi ricettivi hanno registrato un nuovo massimo storico, rispetto a tre anni fa c’è stato un incremento dell’83% dei pernottamenti”. Dati alla mano, l’anno scorso i pernottamenti a Fiume e nei Comuni limitrofi sono stati 924.203 (+14%) e gli arrivi 250.284 (+7%). Nell’area urbana, intesa come Fiume città, gli arrivi sono stati 166.534 (+7%) e i pernottamenti 467.639 (+14%).
Restando ancora a Fiume, il turista straniero domina incontrastato la scena, con l’83% di pernottamenti realizzati, ovvero 387.777. E l’ospite che arriva dalla Germania sale come di consueto sul gradino più alto di questo ipotetico podio in compagnia di ungheresi e italiani. Da citare che sono sempre più numerosi i vacanzieri che arrivano dagli Stati Uniti, dalla Francia e dalla Spagna. Ma dove preferiscono soggiornare gli ospiti e quanto si fermano in città? Soprattutto presso gli affittacamere privati (56,7%), con una permanenza media di 2,87 giorni. (als)

Facebook Commenti